Completato il rollout dell’Endeavour al Pad 39B per l’STS-400

Il logo di AstronautiNEWS. credit: Riccardo Rossi/ISAA
Il logo di AstronautiNEWS. credit: Riccardo Rossi/ISAA

Lo Space Shuttle Endeavour ha completato il rollout verso il Pad 39B, dove attenderà l'eventualità di venire lanciato per la sua missione LON (Launch On Need) STS-400 in soccorso all'Atlantis di STS-125. Nel corso di queste operazioni, gli ingegneri testeranno le procedure di allineamento con il Ground Umbilical Carrier Plate (GUCP), dopo che una perdita di questo dispositivo aveva causato il rinvio del lancio di STS-119, avvenuto al momento del tanking.

L'Endeavour ha trascorso una settimana all'interno del Vehicle Assembly Building (VAB), prima di venire spostato al di fuori dalla High Bay 1, poco prima della mezzanotte locale. Gli ingegneri erano sul posto già due ore prima dell'inizio della manovra per completare il ritiro delle varie piattaforme e dei sistemi che avevano sormontato il veicolo durante l'unione con l'External Tank e le operazioni dello Shuttle Interface Testing.
Nel corso della permanenza al VAB dell'Endeavour, si sono avuti tre piccoli problemi, due relativi ai sistemi video dell'Orbiter,  ed uno relativo ad un calo di potenza all'interno del VAB, che ha causato lo spegnimento del sistema Orbiter/SRB, che è stato subito riattivato non appena tornata la piena disponibilità di potenza nel VAB. I problemi con il sistema video dell'Orbiter, nello specifico hanno riguardato il downloading delle immagini da una camera e il malfunzionamento del flash module che serve ad illuminare (con dei flash temporizzati, appunto) la zona dell'ET rivolta verso la pancia dello Shuttle durante il decollo. Entrambi i problemi sono stati risolti, anche se stanno continuando le valutazioni ingegneristiche visto che il problema con il flash module erano occorsi anche durante il decollo di STS-119.

La Rotating Service Structure (RSS) non verrà chiusa attorno all'Endeavour prima di Lunedì, e visto che la RSS del Pad 39A con Atlantis verrà riaperta Venerdì (oggi n.d.t.), si avrà la possibilità, per l'ultima volta nella storia del programma STS, di poter ammirare contemporaneamente due Shuttles sul monte di lancio.

Una volta collocato l'Endeavour sul Pad, gli ingegneri focalizzeranno la propria attenzione sulle operazioni di unione e sull'installazione del GUCP (Ground Umbilical Carrier Plate), per raccogliere elementi utili ad evitare la perdita di idrogeno criogenico avvenuta, come detto, durante il primo tanking di STS-119.

Nelle immagini (C) di KSC/NASA vediamo le prime fasi del rollout.

Luca Frigerio

Impiegato nel campo delle materie plastiche e da sempre appassionato di spazio. E' iscritto a forumastronautico.it dal Novembre 2005 e da diversi anni sfoga parte della sua passione scrivendo per astronautinews.it. E' consigliere dell'Associazione Italiana per l'Astronautica e lo Spazio (ISAA)