AAA Cercasi spazio espositivo per Space Shuttle

Il logo di AstronautiNEWS. credit: Riccardo Rossi/ISAA
Il logo di AstronautiNEWS. credit: Riccardo Rossi/ISAA

La NASA ha emesso un comunicato in cui si cercano istituzioni educative, musei, enti o organizzazioni che abbiano interesse nel ricevere e poter esporre le navette spaziali e alcuni SSME dopo il pensionamento, attualmente ufficialmente previsto per il 2010.
Sono quindi offerte 2 navette (non è specificato quali) senza SSME reali e un minimo di 6 kit espositivi per SSME (e massimo 10) non più utilizzabili in volo, la terza navetta è già stata sicuramente affidata al National Air and Space Museum di Washington.
La consegna non avverrà prima del 30 Settembre 2011 ma non oltre il 31 Maggio 2012.
La volontà è quella di individuare le istituzioni o gli enti che siano in grado di esporre a scopo principalmente educativo il materiale offerto con costi di allestimento e messa in sicurezza delle navette che saranno interamente a carico del ricevitore (stimati in 42 milioni di dollari, consegna inclusa per gli orbiter e 800.000 dollari per gli SSME).
La scelta avverrà in base alle capacità di gestione dimostrabili e alle idee espositive che maggiormente possono attrarre e sensibilizzare il pubblico riguardo le scienze spaziali.
Il trasporto all'estero delle navette non è precluso ma per poterlo eventualmente fare sarà necessaria una speciale approvazione del Department of State Directorate for Defense Trade Controls in quanto materiale sensibile e compreso nella U.S. Munitions List.
La proposta è aperta fino al 17 Marzo 2009.

  Questo articolo è copyright dell'Associazione ISAA 2006-2023, ove non diversamente indicato. - Consulta la licenza. La nostra licenza non si applica agli eventuali contenuti di terze parti presenti in questo articolo, che rimangono soggetti alle condizioni del rispettivo detentore dei diritti.

Alberto Zampieron

Appassionato di spazio da sempre e laureato in ingegneria aerospaziale al Politecnico di Torino, è stato socio fondatore di ISAA. Collabora con Astronautinews sin dalla fondazione e attualmente coordina le attività fra gli articolisti.