STS-125 preprazione per il rollback

Il logo di AstronautiNEWS. credit: Riccardo Rossi/ISAA
Il logo di AstronautiNEWS. credit: Riccardo Rossi/ISAA

Lo scenario è ancora in rapida evoluzione con il calendario delle prossime missioni ancora in revisione, intanto sul breve termine si continua la preparazione per effettuare il prima possibile il rollback.
La rimozione del payload dalla stiva dello shuttle è prevista nel corso del weekend mentre il rollback probabilmente la prossima settimana.
In valutazione la possibilità di effettuare, una volta nel VAB, un de-stacking per riportare Atlantis nella OPF fino all'inizio della nuova preparazione per il lancio, non ci sono comunque problemi a lasciare il complesso montato anche per mesi all'interno del VAB, anche se non è ad ambiente controllato come la rampa o la OPF.
Prima del rollback verranno svuotati anche i serbatoi per i propellenti ipergolici del sistema OMS, la misura non sarebbe necessaria in caso di permanenza del VAB ma obbligatoria in caso di rientro nella OPF a causa dell'elevata pericolosità e tossicità.
Per quanto riguarda Hubble la caccia al problema verificatosi continua insieme alle procedure per il passaggio al canale B del sistema di SIC&DH (Science Instrument Command and Data Handling).
Il problema si è verificato nello scorso weekend durante un test automatico di auto-diagnosi del telescopio mandando poi il telescopio in safe-mode.
La missione, che per ora rimane NET febbraio 2009, sostituirebbe entrambi i canali in quanto sono contenuti nello stesso box ceh è anche l'unico ricambio attualmente disponibile e rimasto stoccato in buone condizioni per 20 anni..
Per continuare la programmazione e la preparazione per la missione si attendono ora i risultati del passaggio di canale dal team di controllo di Hubble.
Attualmente si lavora per lanciare Hubble nella finestra di Febbraio prevista per STS-119 con Discovery che sulla rampa 39B dovrà essere pronto per la missione di soccorso STS-401 (STS-400 era la missione di Endeavour) e successivamente spostarsi sulla 39A per la missione STS-119.

Alberto Zampieron

Appassionato di spazio da sempre e laureato in ingegneria aerospaziale al Politecnico di Torino, è stato socio fondatore di ISAA. Collabora con Astronautinews sin dalla fondazione e attualmente coordina le attività fra gli articolisti.