Fallito il primo lancio commerciale di SpaceX con il Falcon 1

Il logo di AstronautiNEWS. credit: Riccardo Rossi/ISAA
Il logo di AstronautiNEWS. credit: Riccardo Rossi/ISAA

E' fallito questa notte con la perdita del payload il primo lancio commerciale del Falcon 1 di SpaceX.
La partenza è stata preceduta da una serie di rinvii e solo verso il termine della finestra di lancio di 5 ore si è riusciti a partire perdendo però il lanciatore pochi minuti dopo per un problema con la separazione di primo e secondo stadio.
I problemi erano iniziati durante il countdown quando per alcuni inconvenienti nella pressurizzazione dell'elio si sono verificate numerose sospensioni al countdown, successivamente un "pad abort" a T-0 con il Merlin 1C già avviato ma con parametri "off nominal".
A lancio avvenuto, dopo una piccola sospensione per verificare si potesse riprendere il countdown, tutto è filato liscio fino a 2:20min circa, quando è stato osservato un assetto anomalo del vettore. Subito dopo Elon Musk, CEO di SpaceX, ha rivelato le cause del problema che hanno portato alla perdita del lancio e di conseguenza del carico.
L'anomalia è avvenuta nella separazione, non avvenuta, fra primo e secondo stadio, le cause saranno accertate da un'inchiesta interna appena aperta.
Musk ha comunque confermato che i prossimi lanci non sono in discussione con il quarto che è ormai pronto, il quinto in fase finale di preparazione e il sesto che ha appena ricevuto l'ok per la costruzione.
Il comunicato del CEO di SpaceX si conclude con la certezza che la Società raggiungerà l'orbita e i proprio obiettivi sia con il Falcon 1 che con il nascente Falcon 9.

  Questo articolo è copyright dell'Associazione ISAA 2006-2023, ove non diversamente indicato. - Consulta la licenza. La nostra licenza non si applica agli eventuali contenuti di terze parti presenti in questo articolo, che rimangono soggetti alle condizioni del rispettivo detentore dei diritti.

Alberto Zampieron

Appassionato di spazio da sempre e laureato in ingegneria aerospaziale al Politecnico di Torino, è stato socio fondatore di ISAA. Collabora con Astronautinews sin dalla fondazione e attualmente coordina le attività fra gli articolisti.