Ultime sui lavori al Pad 39A

Il logo di AstronautiNEWS. credit: Riccardo Rossi/ISAA
Il logo di AstronautiNEWS. credit: Riccardo Rossi/ISAA

Ultime sui lavori al Pad 39A

Mentre continuano le indagini, l'attenzione è stata spostata verso i lavori di riparazione che dovranno consegnare il Pad all'Atlantis per l'STS-125 il cui inizio è previsto per l'8 Ottobre e che avrà come missione quella di aggiornare il telescopio Spaziale Hubble.
L'Engineering Review Board (ERB) si è ritrovato in Florida per discutere ulteriormente sulle opzioni disponibili per le riparazioni, per confrontare i loro ultimi dati, in vista di un incontro fissato per il prossimo Martedì, con i managers dello Shuttle, nell'ambito dell'incontro del System Integration Control Board (SICB).
Il SICB dovrebbe fare luce sull'osservazione del fenomeno occorso durante il lift-off dell'STS-124, con all'ordine del Giorno anche gli argomenti del “Flame Trench Environments, Debris Transport Analysis  Results” e “Repair Otions Status.” metodi NDE ( Non Destructive Evaluation).
Lo sforzo è localizzato sia sul Pad 39A che anche sul Pad 39 B (che dovrebbe ospitare l'ultimo stacking per la missione LON (Launch on Need) relativa all'STS -125).

All'inizio della scorsa settimana sono stati rimossi tutti i detriti dal Pad, e si è tornato a  valutare le opzioni per la riparazione del Pad, Una decisione in merito, è prevista per il prossimo Venerdì.

Riguardo alle modalità di riparazione, si dovrebbe utilizzare il Fondu Fyre, un cemento refrattario
che viene spruzzato sulle superfici danneggiate, e che ha delle performance chiave, come una buona resistenza all'abrasione, delle buone proprietà termiche, una buona resistenza alla compressione, e alla trazione.
Il Fondu Fyre viene usato nei Pad fin dall'inizio del programma Space Shuttle, e nel corso degli anni la sua formulazione ha subito anche delle modificazioni. Il Pad deve essere trattato ogni cinque lanci.
Dal return To Flight, si è iniziato a documentare tutti i danni riscontrati nel Pad dopo i vari lanci, catalogandoli come IFA (In Flight Anomaly). Nelle missioni STS-114, 115 e 116, ci sono stati danni al launch Pad.

Il distacco di materiale, durante le prime fasi del decollo, è dovuto all'intensità dell'ambiente di lancio. Il distacco di materiale al di sotto del livello zero dell'MLP, non occorre fino a dopo l'accensione dei due SRB, e il veicolo inizia quindi a sollevarsi dalla rampa.
La forza dei getti dei motori spinge via qualsiasi detrito verso il perimetro della struttura, mentre la base della struttura della MLP offre protezione dai pezzi che potrebbero rimbalzare (compresi quelli del propellente solido degli SRBs), mentre il flusso di acqua del Sound Suppression System impedisce la risalita dei detriti dai MLP Flame Holes.

Si confida molto sul fatto che le riparazioni al Pad 39A possano essere completate prima che l'Atlantis possa essere portato sul Pad in Agosto.

Fonte: NSF

Luca Frigerio

Impiegato nel campo delle materie plastiche e da sempre appassionato di spazio. E' iscritto a forumastronautico.it dal Novembre 2005 e da diversi anni sfoga parte della sua passione scrivendo per astronautinews.it. E' consigliere dell'Associazione Italiana per l'Astronautica e lo Spazio (ISAA)