STS-124: Un mese al lancio

Il logo di AstronautiNEWS. credit: Riccardo Rossi/ISAA
Il logo di AstronautiNEWS. credit: Riccardo Rossi/ISAA

Dopo il rollover effettuato sabato scorso al VAB l'orbiter Discovery è stato unito al complesso già assemblato di ET e SRB.
Le fasi di preparazione per il rollout, programmato per sabato mattina sono regolari e senza imprevisti se non piccole anomalie, come un data recorder dei SRB guasto già sostituito e corretto.
L'unica questione aperta rimane l'eventuale problema con i condotti flessibili del circuito di raffreddamento per i quali nelle prossime settimane si dovrà ricercare una soluzione anche per i due posti nella parte anteriore della stiva e quindi in posizione più alta e difficile da raggiungere rispetto a quelli che hanno dato problemi nelle precedenti missioni.
Si stanno quindi valutando, oltre ad un modo per evitare sistematicamente in futuro il problema, i pro e i contro nella possibilità di volare con un tubo fuorisede dovesse accadere per i due anteriori all'ultima chiusura oppure escogitare un modo per poterli raggiungere e sistemare.
Mentre era nel VAB all'orbiter è stato anche installato un nuovo flash per la camera montata sulla "pancia" e destinata alla ripresa della separazione dall'ET dopo il MECO.
Non sono al momento in valutazione altri problemi o inconvenienti gravi.
 

  Questo articolo è © 2006-2023 dell'Associazione ISAA, ove non diversamente indicato. Vedi le condizioni di licenza. La nostra licenza non si applica agli eventuali contenuti di terze parti presenti in questo articolo, che rimangono soggetti alle condizioni del rispettivo detentore dei diritti.

Alberto Zampieron

Appassionato di spazio da sempre e laureato in ingegneria aerospaziale al Politecnico di Torino, è stato socio fondatore di ISAA. Collabora con Astronautinews sin dalla fondazione e attualmente coordina le attività fra gli articolisti.