Manutenzione di base per il "Super Guppy"

Il logo di AstronautiNEWS. credit: Riccardo Rossi/ISAA
Il logo di AstronautiNEWS. credit: Riccardo Rossi/ISAA

E' stato consegnato all'USAF il Super Guppy della NASA, il singolare aereo utilizzato per il trasporto di carichi voluminosi, dovendo essere sottoposto a manutenzione di base.
La NASA ha scelto di affidarsi all'USAF e in particolare alla base di Tinker AFB per le rinomate capacità ed esperienza in questo tipo di operazioni vista anche la particolarità e unicità del velivolo in oggetto.
Sono previste 14.770 ore/uomo di lavoro con previsione di conclusione lavori per il 22 Agosto, salvo riscontri non previsti che possano aumentare le ore necessarie per riportarlo in condizioni di volo.
Tutte le fasi vedranno affiancati personale della NASA e dell'USAF e al termine dei lavori il Super Guppy sarà in grado di affrontare altri di 10 anni di vota operativa.
Dei cinque esemplari costruiti e utilizzati da NASA, Airbus, Aeromaritime e Aero Spacelines solamente uno è rimasto in servizio ed è proprio quello operato dalla NASA.
Il velivolo è derivato dalla cellula del C-97J che a sua volta è il Boeing 377 Stratocruiser riadattato per usi militari.
Nella versione SGT (Super Guppy Turbine), quella operato dalla NASA, ha un diametro interno massino di 7,6m, 4m sul piano di carico e una lunghezza della stiva di 33.8m, può trasportare 24,7ton di carico a 470km/h di crociera spinto dai 4 turboelica Allison 501-D22C, con cabina pressurizzata.

Alberto Zampieron

Appassionato di spazio da sempre e laureato in ingegneria aerospaziale al Politecnico di Torino, è stato socio fondatore di ISAA. Collabora con Astronautinews sin dalla fondazione e attualmente coordina le attività fra gli articolisti.