STS-123 FD10: "Off duty time"

Il logo di AstronautiNEWS. credit: Riccardo Rossi/ISAA
Il logo di AstronautiNEWS. credit: Riccardo Rossi/ISAA

Superata la metà missione, oggi giornata quasi interamente libera per l'equipaggio di STS-123.
Già ieri era stata concessa la seconda parte della giornata in libertà, visto il grande lavoro svolto e il grande anticipo sulla tabella di marcia che si è raggiunto in questi giorni. Dopo aver già fatto eseguire alcuni compiti precedentemente destinati all'equipaggio della ISS dopo la partenza di Endeavour si è preferito concedere un po' di riposo agli equipaggi piuttosto che continuare ad anticipare e creare task su eventi sempre più in là nel tempo.
Per Dextre è stato confermato che il problema di inversione dei comandi è facilmente risolvibile e che non c'è alcuna fretta, perchè per ora non ci sono piani di utilizzo almeno fino alla prossima missione 2J/A in primavera.
Oggi era anche prevista la video-conferenza con il Primo Ministro Giapponese, Yasuo Fukuda in onore dell'astronauta Takao Doi e del primo segmento del laboratorio Kibo a raggiungere la ISS.
L'ultima parte della giornata è stata dedicata ai controlli e alla preparazione della EVA di domani che avrà il compito principale di testare il T-RAD, la nuova tecnica di riparazione prevista in casi di danni allo scudo termico dello Shuttle.
E' una specie di pasta che andrà spalmata e inserita in alcuni provini che saranno poi testati a terra, nel "collector" sono simulati una certa quantità di possibili danni, da quelli superficiali, a quelli da ghiaccio durante il lancio, fino a danni più gravi. Inoltre sono presenti alcuni provini per testare le caratteristiche fisiche del prodotto utilizzato in orbita, come la densità, la distribuzione e l'adesione.
Il test più volte rimandato nelle missioni passate per compiti più urgenti sorti durante il viaggio sarà di grande importanza in vista della missione STS-125 di questa estate verso Hubble.
Non sono previste attività al braccio robotico di supporto, per cui l'equipaggio all'interno della ISS non parteciperà alle attività esterne.
Sono poi stati aggiunti un paio di piccoli task, come un'ispezione ad un nuovo piccolo danno da MMOD e un'ispezione ad un cavo di sicurezza che non funziona perfettamente.
Prevista in caso di anticipo sul programma la rimozione delle ultime coperte terniche da Dextre che andranno rimontate sul JLP per proteggere i ganci utilizzati per il trasporto dalle variazioni termiche dello spazio esterno.

Alberto Zampieron

Appassionato di spazio da sempre e laureato in ingegneria aerospaziale al Politecnico di Torino, è stato socio fondatore di ISAA. Collabora con Astronautinews sin dalla fondazione e attualmente coordina le attività fra gli articolisti.