Il motore del secondo stadio Vega supera test di qualificazione

Il logo di AstronautiNEWS. credit: Riccardo Rossi/ISAA
Il logo di AstronautiNEWS. credit: Riccardo Rossi/ISAA

Zefiro 23, il motore del secondo stadio del lanciatore europeo Vega, di cui Avio è capo commessa tramite la controllata ELV, ha superato la prova di qualificazione questa mattina presso il poligono interforze di Salto di Quirra in Sardegna. La prova, durata 80 secondi, ha consentito di verificare le caratteristiche funzionali e di missione necessarie all’avvio della costruzione dell’unità di volo. Il risultato di oggi costituisce una tappa fondamentale per la qualifica del secondo stadio del lanciatore e del motore a propellente solido e fa parte del ciclo di prove eseguite negli anni 2006 e 2007. Si tratta della qualifica di un motore per impieghi spaziali interamente concepito e realizzato con tecnologie Italiane sviluppate presso gli stabilimenti Avio di Colleferro.
Zefiro è destinato a portare il lanciatore Vega da 44 a 100 chilometri da terra nello stesso tempo impiegato nella prova: 80 secondi. I dati registrati nel test hanno confermato il pieno successo della prova. Per lo sviluppo del nuovo lanciatore Vega, l’Agenzia Spaziale Europea ha investito 320 milioni di euro. L’Italia ha un ruolo di primo piano nel programma, ai cui costi contribuisce per il 65% tra risorse pubbliche e private. ELV (70%Avio, 30% Agenzia Spaziale Italiana) è la società capo commessa con la responsabilità dello sviluppo, della qualifica e della produzione dell’intero lanciatore.

Fonte: dedalonews.it

Alberto Zampieron

Appassionato di spazio da sempre e laureato in ingegneria aerospaziale al Politecnico di Torino, è stato socio fondatore di ISAA. Collabora con Astronautinews sin dalla fondazione e attualmente coordina le attività fra gli articolisti.