GLAST al KSC

Il logo di AstronautiNEWS. credit: Riccardo Rossi/ISAA
Il logo di AstronautiNEWS. credit: Riccardo Rossi/ISAA

E' arrivato al KSC il Gamma-ray Large Area Space Telescope (GLAST) per le ultime preparazioni prima dell'integrazione finale con il Delta II che lo lancerà il 16 Maggio prossimo.
La missione è diretta dal U.S. Department of Energy in collaborazione con partner provenienti da Francia, Germania, Italia, Giappone e Svezia più molti altri enti accademici americani.
Esplorerà lo spazio più violento cercando di fornire risposte ai dubbi che ancora assillano i ricercatori riguardo buchi neri super-massivi, pulsar, raggi cosmici e GRB (gamma-ray burst).
Verranno integrati nei prossimi mesi, l'antenna con il sistema di comunicazione e i pannelli solari, successivamente verrà eseguito un controllo completo ad ogni sistema della sonda.
Queste attività saranno gestite da General Dynamics, costruttore della sonda.
Il lanciatore di ULA verrà assemblato a partire dal 17 Marzo, data di montaggio del primo segmento, seguiranno poi tutti gli stadi e i booster laterali che comporranno il Delta II in versione 7920-H, con 9 booster.
La sonda verrà integrata con il lanciatore il 1° Maggio.

  Ove non diversamente indicato, questo articolo è © 2006-2023 Associazione ISAA - Leggi la licenza. La nostra licenza non si applica agli eventuali contenuti di terze parti presenti in questo articolo, che rimangono soggetti alle condizioni del rispettivo detentore dei diritti.

Alberto Zampieron

Appassionato di spazio da sempre e laureato in ingegneria aerospaziale al Politecnico di Torino, è stato socio fondatore di ISAA. Collabora con Astronautinews sin dalla fondazione e attualmente coordina le attività fra gli articolisti.