Endeavour sostituito nella LON per STS-122 e forse per STS-123

Il logo di AstronautiNEWS. credit: Riccardo Rossi/ISAA
Il logo di AstronautiNEWS. credit: Riccardo Rossi/ISAA

E' stata individuata una contaminazione, attraverso un esame boroscopico, all'interno dei filtri HEPA (high efficiency particulate air) per la pulizia dell'aria.
Per questo motivo la missione di soccorso per STS-122 è stata spostata al Discovery, che sarà quindi in grado di partire per il 10 Aprile, data di lancio prevista per STS-323.
Il rollover di Endeavour previsto per la settimana prossima è quindi annullato, e verrà montato il Discovery sui SRB e ET già assemblati nel VAB per essere pronti in caso di evenienza.
Non è ancora chiaro quanto sia necessario per ovviare al problema sull'Endeavour e renderlo pronto per il volo.
E' possibile che si possano invertire gli orbiter per STS-123 e STS-124 mantenendo quindi valide le date di lancio programmate, altrimenti è possibile un ritardo a cascata in queste due missioni.
Con il piano attuale si potrà lanciare STS-323 (o più propriamente, ora STS-324) entro il 10 Aprile, ovvero 63 giorni dopo STS-122, la quale ha almeno 69 giorni di autonomia.
Ci sarà da installare l'OBSS sul Discovery che in previsione di STS-124 non avrebbe imbarcato per la presenza "ingombrante" di Kibo.
L'unico problema che rimaneva per approvare la missione, e quindi autorizzare il lancio di STS-122, era il tubo flessibile smontato di recente e che aveva provocato gli ultimi problemi anche sull'Atlantis ma è stata prevista una cannibalizzazione dall'Endeavour per rendere pronto al volo il Discovery in tempo.
Maggiori informazioni nelle prossime ore.

Alberto Zampieron

Appassionato di spazio da sempre e laureato in ingegneria aerospaziale al Politecnico di Torino, è stato socio fondatore di ISAA. Collabora con Astronautinews sin dalla fondazione e attualmente coordina le attività fra gli articolisti.