Danneggiato pannello solare della ISS

Il logo di AstronautiNEWS. credit: Riccardo Rossi/ISAA
Il logo di AstronautiNEWS. credit: Riccardo Rossi/ISAA

Si è danneggiato durante lo svolgimento, l’ultimo dei due set di pannelli solari spostati e installati quest’oggi durante la EVA 3. Le dimensioni del danno sembrano consistenti ma non è ancora chiaro quali saranno gli effetti della rottura.
Appena notato lo strappo la Comandante Pamela Melroy ha subito bloccato tutta la procedura di dispiegamento, e in questi momenti si sta cercando di analizzare in maniera approfondita, attraverso l’uso di varie telecamere la conformazione del danno che interessa l’array a circa metà della sua lunghezza.
Il set era quello richiuso con difficoltà durante la missione STS-116 da Robert Curbeam e Sunita Williams.
Al momento è stato deciso di retrarre quasi a metà  il set in modo da alleviare la tensione e probabilmente nella notte si deciderà cosa fare.

Sempre nella notte il Discovery è stato interessato sull’ala destra da un MMOD (micrometeoroid/orbiting debris) di dimensioni superiori alla media, circa 3 volte superiore al massimo mai registrato, che non dovrebbe però portare rischi per la navetta e per l’equipaggio.

  Questo articolo è copyright dell'Associazione ISAA 2006-2024, ove non diversamente indicato. - Consulta la licenza. La nostra licenza non si applica agli eventuali contenuti di terze parti presenti in questo articolo, che rimangono soggetti alle condizioni del rispettivo detentore dei diritti.

Alberto Zampieron

Appassionato di spazio da sempre e laureato in ingegneria aerospaziale al Politecnico di Torino, è stato socio fondatore di ISAA. Collabora con Astronautinews sin dalla fondazione e attualmente coordina le attività fra gli articolisti.