Installate le telecamere UrtheCast all’esterno della ISS

RS EVA 37A
Stampa questo articolo Stampa questo articolo

Oleg Kotov e Sergey Ryazanskiy hanno completato lunedì un’attività extraveicolare (RS EVA-37a) con l’obiettivo di installare due telecamere per l’osservazione della terra all’esterno del modulo Zvezda.

L’EVA è durata sei ore e 8 minuti, i due cosmonauti hanno ultimato tutti gli obiettivi e i compiti rimasti arretrati dall’EVA dello scorso 27 dicembre (RS EVA-37).
Le telecamere sono state installate con successo ed è stato anche recuperato un payload esterno sul lato russo della Stazione.

L’installazione delle telecamere non è stata di particolare difficoltà trattandosi del secondo tentativo di installazione. Le telecamere infatti erano già state installate con successo durante la EVA del 27 dicembre, tuttavia un problema di cablaggio e connessione aveva impedito di trasmettere correttamente i dati a Terra costringendo i due cosmonauti a smontarle e riportarle all’interno della ISS per analizzare meglio il problema. Erano stati individuati due problemi distinti: un problema di cablaggio interno alla ISS e un problema di connessione ad un delle due telecamere.
Inizialmente sembrava che la telecamera media risoluzione manifestasse ancora problemi di trasmissione dei dati, in seguito il problema è stato risolto da Terra.

03 - High Resolution Camera Installation 02 - High & Medium Resolution Camera Installation
07 - Retrieve Worksite Interface Adapter 04 - Medium Resolution Camera Installation
L’installazione è parte di un accordo commerciale fra la compagnia canadese UrtheCast e la Russian Federal Space Agency.
Il progetto fornirà entro fine anno immagini della Terra in alta definizione disponibili in streaming web agli abbonati al servizio.

RAL Space Imaging Systems con la high resolution UrtheCast camera prima dell’invio a Mosca (Credit: STFC)

I due cosmonauti hanno portato a termini anche alcuni obiettivi secondari, tra cui la preparazione di un Portable Data Grapple Fixture (PDGF) su Zarya che permetterà in futuro l’uso del Canadarm2 anche in quella zona.
Sì è trattata della quarta EVA di Expedition 38, la 178° al servizio della ISS (1121 ore e 52 minuti), la sesta per Kotov (36 ore e 51 minuti), la terza per Ryazanskiy (20 ore e 5 minuti).

La prossima EVA sulla ISS è programmata per l’estate.

Per una cronaca più approfondita di questa EVA si segnala: http://www.spaceflight101.com/iss-expedition-38-russian-eva-37a-updates.html

Le altre slide di NASA per l’EVA: http://www.flickr.com/photos/nasa2explore/sets/72157640217387686/

 

Fonte: NASA.

Copyright immagine: NASA, STFC

Filippo Magni

Appassionato di spazio, studente di ingegneria aerospaziale presso il Politecnico di Milano. Collabora all'amministrazione del forum come "Operations Officer". Scrive su AstronautiNEWS da maggio 2009.

Potrebbe anche interessarti...