EUS

SLS, due passi avanti verso la missione Artemis 1

A pochi giorni di distanza presso due centri NASA, si sono svolti due eventi significativi per lo sviluppo e realizzazione del primo “core stage”, lo stadio centrale del nuovo vettore super pesante statunitense SLS, destinato a volare nella prima missione Artemis.

Rappresentazione artistica del lander lunare di Boeing. Credit: Boeing

Anche Boeing propone un lander per il programma Artemis

Martedì 5 novembre anche Boeing ha presentato a NASA la propria proposta per un lander lunare e ha puntato sulla semplicità di un unico lancio tramite il razzo del programma SLS, i cui stadi principali sono sviluppati e costruiti proprio dall’azienda di Chicago.

SLS/Orion Exploration Mission 2: NASA inizia la pianificazione

Mentre si avvicina il debutto del nuovo lanciatore pesante Space Launch System, previsto per il novembre 2018 con la missione unmanned EM-1, l’agenzia spaziale statunitense ha avviato formalmente la pianificazione della seconda missione che, non prima del 2023, riporterà un equipaggio in orbita lunare dopo 50 anni.

Rendering dell'EUS con la capsula Orion. Credit: Boeing

NASA accelera per lo stadio superiore dello SLS

Mentre non sono ancora state definite con chiarezza le missioni per le quali verrà impiegato il nuovo SLS, la NASA ha comunque preso la decisione di accelerare lo sviluppo dello stadio superiore del nuovo razzo vettore destinato alle future missioni Americane al di là dell’Orbita Terrestre.