Lanciato il quinto satellite militare russo della serie Lotos

1301915.jpg
Il momento del lancio. Credit: Russian Defense Ministry's press service/TASS.

Lo scorso 2 febbraio alle 21:45 italiane (le 23:45 ora locale), le Forze spaziali russe (Kosmičeskie vojska) hanno lanciato con successo la missione Lotos-S1 con un razzo Sojuz 2.1b. Il vettore è decollato dalla rampa 43/4 (43R) del cosmodromo di Pleseck, in Russia. Si è trattato del volo numero 38 partito da questa rampa.

Il satellite è di tipo militare e componenti e funzionalità non sono del tutto note. Si sa che si tratta di un singolo carico da 6 tonnellate di massa circa e che si occupa di ELINT, monitoraggio di segnali elettromagnetici sulla superficie terrestre diversi da quelli usati per le normali telecomunicazioni.

Roskosmos conferma lancio e operatività del satellite.

Il lancio è avvenuto senza particolari problemi, come riferito dal comunicato stampa del Ministero della Difesa russo, e il satellite è stato inserito in un’orbita a 900 km di quota e 67,1° di inclinazione. Si tratta del quinto satellite di tipo Lotos-S, il quarto della versione evoluta Lotos-S1, l’ultimo dei quali è stato lanciato nel 2018, e fa parte del sistema di sorveglianza russo denominato Liana.

Con questi satelliti Lotos si intende sostituire i vecchi e ormai obsoleti Celina, il cui primo lancio risale ai tempi dell’Unione Sovietica, nel 1967, mentre l’ultimo è avvenuto nel 2007.

Fonti: TASS

  © 2006-2021 Associazione ISAA - Alcuni diritti sono riservati.

Commenti

Commenta e approfondisci su ForumAstronautico.it

Gianmarco Vespia

La scienza è importante. Ne ho fatto parte tanti anni fa, ma ho dovuto abbandonare la carriera. In Italia manca il supporto agli scienziati, in molti modi: sostegno, fiducia, credibilità, rispetto e finanziamenti. ISAA mi ha dato la possibilità di diventare divulgatore e di raggiungere un pubblico interessato e appassionato in questo piccolo settore che è l'astronautica. La scienza si muove troppo in silenzio, occorre pazienza e attenzione per capirla e apprezzarla, per spiegarla alle nuove generazioni, appassionarle e permettergli di costruire un futuro migliore per sé e per il mondo intero.