Si è conclusa la missione Dawn nella fascia degli asteroidi

La sonda Dawn - (C) NASA

La sonda Dawn della NASA è diventata silenziosa, concludendo una missione storica che ha studiato le vere capsule del tempo del primo capitolo della storia del Sistema Solare.

Dawn ha saltato le sessioni di comunicazione programmata con il Deep Space Network della NASA mercoledì 31 ottobre e giovedì 1 novembre. Dopo che la squadra di volo ha escluso altre possibili cause per le comunicazioni perse, i responsabili della missione hanno concluso che la sonda ha infine esaurito l’idrazina, il propellente che consente alla navicella di controllarne il puntamento. Dawn non può più mantenere le sue antenne orientate verso la Terra per comunicare con il controllo missione o ruotare i suoi pannelli solari verso il Sole per produrre energia.

Dawn è stata lanciata 11 anni fa per visitare i due oggetti più grandi nella cintura principale degli asteroidi. Attualmente, è in orbita attorno al pianeta nano Cerere, dove rimarrà per decenni.

“Oggi festeggiamo la fine della nostra missione Dawn, i suoi incredibili risultati tecnici, la scienza vitale che ci ha dato e l’intero team che ha permesso alla sonda di realizzare queste scoperte”, ha detto Thomas Zurbuchen, amministratore associato della Direzione delle missioni scientifiche della NASA a Washington. “Le immagini e i dati sorprendenti che Dawn ha raccolto da Vesta e Ceres sono fondamentali per comprendere la storia e l’evoluzione del nostro sistema solare.”

Dawn è stata lanciata nel 2007 per un viaggio che è durato circa 6,9 miliardi di chilometri. Spinta da motori a ioni, la navicella spaziale ha raggiunto numerosi traguardi lungo il percorso. Nel 2011, quando Dawn arrivò a Vesta, il secondo più grande corpo nella fascia principale degli asteroidi, la sonda divenne la prima a orbitare attorno a un corpo nella regione tra Marte e Giove. Nel 2015, quando Dawn entrò in orbita attorno a Cerere, un pianeta nano che è anche il più grande corpo nella fascia degli asteroidi, la missione divenne la prima a visitare un pianeta nano e ad inserirsi in orbita attorno a due diverse destinazioni oltre la Terra.

“Il fatto che sulla mia auto io abbia un adesivo con scritto ‘Il mio altro veicolo è nella fascia principale degli asteroidi’, mostra quanto orgoglio ho in Dawn”, ha detto il direttore della missione e ingegnere capo Marc Rayman al Jet Propulsion Laboratory (JPL) della NASA. “Le aspettative che avevamo su Dawn erano tremende, ma ha sempre ripagato la sfida. È difficile dire addio a questa incredibile astronave, ma è ora.”

I dati di Dawn inviati sulla Terra dai suoi quattro esperimenti scientifici hanno consentito agli scienziati di confrontare due mondi simili a un pianeta che si sono evoluti in modo molto diverso. Tra i suoi successi, Dawn ha mostrato quanto fosse importante la posizione rispetto al modo in cui gli oggetti nel primo sistema solare si sono formati e si sono evoluti. Dawn ha inoltre rafforzato l’idea che i pianeti nani potrebbero aver ospitato oceani in una parte significativa della loro storia – e potenzialmente anche ora.

Un’immagine di Vesta ottenuta dalla composizione di differenti fotografie effetttuate da Dawn. Image Credit: NASA/JPL-Caltech/ UCAL/MPS/DLR/IDA

“Per certi versi, l’eredità di Dawn è appena iniziata”, ha detto la Principal Investigator Carol Raymond al JPL. “I dati di Dawn saranno profondamente analizzati dagli scienziati che lavorano negli studi su come i pianeti crescono e si differenziano, e quando e dove la vita potrebbe essersi formata nel nostro sistema solare. Cerere e Vesta sono importanti anche per lo studio dei sistemi planetari distanti, poiché forniscono uno spaccato delle condizioni che possono esistere intorno alle giovani stelle “.

Poiché Ceres ha condizioni di interesse per gli scienziati che studiano la chimica che conduce allo sviluppo della vita, la NASA segue rigorosi protocolli di protezione planetaria per lo smaltimento della sonda spaziale Dawn. Dawn rimarrà in orbita per almeno 20 anni e gli ingegneri hanno più del 99% di confidenza che l’orbita durerà per almeno 50 anni.

Quindi, mentre il piano di missione non prevede l’effettuazione di un ultimo, infuocato tuffo – il modo in cui l’astronave Cassini della NASA si è conclusa l’anno scorso, per esempio – almeno questo è certo: Dawn ha speso l’ultima goccia di idrazina facendo osservazioni scientifiche di Cerere e trasmettendoli via radio in modo da poter imparare di più sul sistema solare che chiamiamo casa.

Leggi tutti gli articoli su Dawn pubblicati da astronautinews:

  • https://www.astronautinews.it/2017/10/31/la-sonda-dawn-si-avvicina-a-cerere/
  • https://www.astronautinews.it/2016/07/07/dawn-rimane-presso-cerere/
  • https://www.astronautinews.it/2015/03/07/dawn-entra-in-orbita-intorno-a-cerere/
  • https://www.astronautinews.it/2015/03/02/dawn-sempre-piu-vicina-a-cerere-fotografa-il-punto-luminoso/
  • https://www.astronautinews.it/2015/02/09/dawn-mostra-nuove-immagini-del-pianeta-cerere/
  • https://www.astronautinews.it/2015/01/06/la-sonda-dawn-si-avvicina-cerere/
  • https://www.astronautinews.it/2014/09/22/raggio-cosmico-rallenta-dawn/
  • https://www.astronautinews.it/2012/09/11/dawn-in-viaggio-verso-cerere/
  • https://www.astronautinews.it/2011/12/13/la-sonda-dawn-raggiunge-unorbita-piu-bassa-intorno-a-vesta/
  • https://www.astronautinews.it/2011/07/18/dawn-entra-in-orbita-intorno-allasteroide-vesta/
  • https://www.astronautinews.it/2009/04/03/un-aggiornamento-da-dawn/
  • https://www.astronautinews.it/2009/02/12/la-sonda-dawn-si-prepara-al-flyby-su-marte/
  • https://www.astronautinews.it/2009/01/15/dawn-procede-regolarmente-verso-la-cintura-degli-asteroidi/
  • https://www.astronautinews.it/2007/09/24/rimandato-di-24h-il-lancio-di-dawn/
  • https://www.astronautinews.it/2007/07/06/rinviato-il-lancio-di-dawn/
  • https://www.astronautinews.it/2007/06/13/dawn-danneggiata/
  • https://www.astronautinews.it/2007/06/01/problema-al-delta-ii-di-dawn-probabile-un-rinvio-del-lancio/

Fonte: NASA

Segui la discussione su ForumAstronautico.it

https://www.forumastronautico.it/t/25414

Alberto Zampieron

Appassionato di spazio da sempre e laureato in ingegneria aerospaziale al Politecnico di Torino, è stato socio fondatore di ISAA. Collabora con Astronautinews sin dalla fondazione e attualmente coordina le attività fra gli articolisti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.