Boeing presenta la tuta per la capsula Starliner

Nei giorni scorsi Boeing ha presentato al pubblico la tuta spaziale che equipaggerà la capsula CST-100 Starliner e proteggerà i suoi occupanti durante le fasi più critiche del volo.

La tuta, più leggera e confortevole delle precedenti, è stata sviluppata tenendo in considerazione l’eredità delle attuali tute e di tutte le precedenti realizzate per i viaggi spaziali, rispondendo interamente ai requisiti di sicurezza e ergonomicità della NASA.

La tuta è più leggera grazie all’utilizzo di materiali di ultimissima generazione mentre l’ergonomicità è stata notevolmente migliorata rispetto alle precedenti tute utilizzate a questo scopo grazie a nuovi giunti e la riprogettazione degli snodi.

Il casco e il visore in policarbonato sono incorporati e non separabili, i guanti sono progettati per poter utilizzare l’avionica touchscreen della capsula e la ventilazione permette di lasciar traspirare l’aria ma anche la pressurizzazione quasi istantanea in caso di problemi.

Gli stivaletti, collegati alla tuta, sono invece stati progettati insieme a Reebok per essere altamente confortevoli.

La tuta completa di tutti gli accessori pesa appena 9kg mentre quella che utilizzavano gli astronauti sullo Space Shuttle, la ACES, pesava quasi 14kg.

I materiali utilizzati permettono la traspirazione del sudore mantenendo allo stesso tempo la pressurizzazione, mentre la tuta è dotata di cerniere poste in punti strategici per permetterne l’utilizzo sia mentre l’astronauta è nei seggiolini della capsula sia in caso di uscita rapida da essa.

La tuta, non destinata a passeggiate extraveicolari o EVA, è il risultato di mesi di test ergonomici e di funzionalità effettuati all’interno dei mockup della capsula, provandone il suo funzionamento e validandone la capacità di sostituirsi ai sistemi di supporto vitale della capsula in caso di grave incidente in volo. La tuta infatti in un “volo tipo” non sarebbe necessaria, è però una misura di sicurezza aggiuntiva in caso di problemi alla capsula.

Alla validazione del design hanno partecipato gli astronauti NASA Bob Behnken, Doug Hurley e Suni Williams, gli astronauti incaricati di seguire la validazione dei sistemi che Boeing e SpaceX utilizzeranno per il futuro supporto alla ISS.

 

  Questo articolo è copyright dell'Associazione ISAA 2006-2023, ove non diversamente indicato. - Consulta la licenza. La nostra licenza non si applica agli eventuali contenuti di terze parti presenti in questo articolo, che rimangono soggetti alle condizioni del rispettivo detentore dei diritti.

Commenti

Discutiamone su ForumAstronautico.it

Alberto Zampieron

Appassionato di spazio da sempre e laureato in ingegneria aerospaziale al Politecnico di Torino, è stato socio fondatore di ISAA. Collabora con Astronautinews sin dalla fondazione e attualmente coordina le attività fra gli articolisti.