Si chiamerà VITA la prossima missione di Paolo Nespoli – Expedition 52/53

VITA è il nome scelto dall’Agenzia Spaziale Italiana per la missione di Paolo Nespoli che il 29 maggio 2017 salirà a bordo della Soyuz MS-05 insieme ai colleghi Randy Bresnik (NASA) e Sergey Ryazanskiy (Roscosmos).

Nome e logo sono stati rivelati oggi giovedì 24 novembre presso la sede ASI di Tor Vergata in presenza di rappresentanti di ESA e di ASI.

Il logo della terza missione dell'Astronauta ESA Paolo nespoli.

Il logo della terza missione dell’Astronauta ESA Paolo Nespoli. Fonte: ASI

Il simbolo Terzo Paradiso, ideato da Michelangelo Pistoletto.

Il simbolo Terzo Paradiso, ideato da Michelangelo Pistoletto. Fonte: ASI

Il logo VITA è stato realizzato dalla designer Elena D’Amato a partire dal simbolo “Terzo Paradiso” ideato dall’artista Michelangelo Pistoletto.

Terzo Paradiso è una fase artistica di Pistoletto nella quale ha voluto ricercare un nuovo simbolo di infinito. I due cerchi laterali rappresentano i poli opposti di natura e artificio che si uniscono nel lobo centrale, “grembo generativo di una nuova umanità” come lui stesso l’ha definito. Nel logo della missione il concetto è spiegato inserendo da un lato il simbolo del DNA, che raffigura la natura e la scienza, e dall’altro lato un libro, che rappresenta la capacità umana di imparare e trasformare la natura stessa, la cultura e l’apprendimento. La Terra, inserita nel lobo centrale, è l’unione armonica di questi due concetti che insieme danno luogo a nuova VITA, ma anche la pupilla dell’astronauta che osserva il nostro pianeta, simbolo dell’umanità intera. Il tutto è decorato con i colori della bandiera italiana dove il verde incornicia il lobo che racchiude la natura e il rosso può simboleggiare il sangue, la linfa vitale della conoscenza. Inoltre il blu di sfondo con le sue numerose sfumature rimanda al celebre “Pale Blu Dot“, alle numerose sfaccettature e diversità della Terra comunque unite in armonia.

screenshot-from-2016-11-24-12-33-38

VITA: Acronimo di Vitalità, Innovazione, Tecnologia e Abilità. Ma non solo. Fonte: ASI

Il nome, oltre a suscitare l’idea della creazione, è anche l’acronimo di Vitality, Innovation, Technology e Ability, quattro aspetti indispensabili nelle missioni spaziali umane. VITA può anche essere letto su vari livelli, estrapolando l’Information Technology di IT o la natura tutta ITAliana della missione. Il nome della missione è stato pensato per rivolgersi ad un vasto pubblico, “vita” è una parola della lingua italiana molto conosciuta anche all’estero.

A differenza della missione MagISStra, il cui nome era stato scelto tra le varie proposte derivanti da una competizione a livello europeo, questa volta ASI ha proceduto internamente all’ideazione di logo e nome, alla stessa maniera della missione Esperia, dove era stato il designer di fama mondiale Giorgetto Giugiaro a presentarli secondo un accordo di sponsorizzazione siglato con l’Agenzia Spaziale Italiana (ASI) stessa.

Durante l’Expedition 52/53 sono previsti vari esperimenti di cui alcuni tutti italiani, anch’essi svelati durante la diretta streaming dell’evento in ASI, in particolare nell’ambito della biologia e fisiologia umana, nonché nel campo delle tecnologie della radioprotezione.

Gli esperimenti ASI della missione VITA.

Gli esperimenti ASI della missione VITA. Fonte: ASI

Gli esperimenti

CORM, ideato dall’Università di Firenze, studierà gli effetti della microgravità sulle cellule della retina.
MYOGRAVITY, dell’Università di Pescara, sarà una biopsia di cellule muscolari di Paolo Nespoli stesso, raffrontandole con quelle tenute a terra in condizioni di microgravità simulata per osservare nello specifico le differenze degenerative.
NANOROS, esperimento dell’Istituto Italiano di Tecnologia, prenderà in considerazione le cellule del tessuto cardiaco testando le potenzialità di cura dell’ossido di Cerio.
SERISM, del Campus Biomedico di Roma, contribuirà alla cura dell’osteoporosi studiando in ambiente di microgravità tessuto osseo ricavato da staminali presenti nel sangue.
ARAMIS è invece un’app ideata dalle torinesi Thales Alenia Space e Altec che permetterà a Paolo di compiere operazioni di manutenzione della ISS riducendone i tempi standard.
IN-SITU, esperimento dell’Università di Bologna, permetterà di analizzare nove parametri vitali partendo da campioni di saliva. Sarà un utile strumento di monitoraggio della salute degli astronauti.
ORTHOSTATIC TOLERANCE, pensato dall’IRCCS San Raffaele Pisana di Roma, prevede lo sviluppo di un protocollo di allenamento per mitigare gli effetti indesiderati dei fluidi corporei nel momento del rientro atmosferico.
PERSEO, dell’Università di Pavia in collaborazione con Thales Alenia Space, è un dimostratore tecnologico: una giacca riempita con acqua per verificare la capacità del liquido di proteggere gli astronauti dalle radiazioni. Un importante passo per i futuri viaggi verso il Pianeta Rosso.

MULTI-TROP, principalmente proposto dall’Università Federico II di Napoli, studierà il comportamento delle radici delle piante in orbita. Coinvolgerà anche gli studenti di una classe di un liceo scientifico.

Paolo, inoltre, avrà la possibilità di continuare ad utilizzare la macchina per il caffè ISSpresso, che non è solamente la protagonista delle pause degli astronauti tra un lavoro e l’altro, ma funge essa stessa da esperimento sui fluidi. È inoltre previsto anche una nova campagna di utilizzo dell’esperimento ARTE/THERMAL EXCHANGE di Argotec e del Politecnico di Torino, già a bordo della ISS, che prevede l’uso di uno scambiatore di calore per regolare la temperatura di alcune zone della Stazione tramite il flusso di quattro fluidi non tossici. Gli ultimi due esperimenti non primari potranno infine essere MINI-EUSO, frutto di un accordo tra Roscosmos e l’Istituto Nazionale di Fisica Nucleare, ossia un telescopio utilizzabile per mappare la Terra in UV e studiare le traiettorie dei micrometeoriti e LIDAL, il successore di ALTEA, che rileverà le radiazioni a cui la Stazione Spaziale è sottoposta.

Tutti i dettagli degli esperimenti sono messi a disposizione da ASI in questa raccolta di pdf.

La designer del logo, ... applica la patch della missione sulla tuta di Paolo Nespoli. Fonte: ASI

La designer del logo Elena D’Amato applica la patch della missione sulla tuta di Paolo Nespoli. Fonte: ASI

Paolo Nespoli è alla sua terza missione sulla Stazione Spaziale Internazionale avendo preso parte nel 2007 ad Esperia, una missione di due settimane che ha contribuito alla costruzione della ISS stessa con l’installazione del Nodo 2, al quale è agganciato ora il modulo Columbus, e a MagISStra, missione del 2010 rivolta in modo particolare agli studenti esaltando il valore dell’istruzione. VITA è dunque la terza missione frutto degli accordi bilaterali NASA/ASI nell’abito del programma MPLM (Multi-Purpose Logistics Module). ESA fornirà tutto il supporto medico e di training all’astronauta.

Di seguito il replay dell’evento presso la sede dell’ASI:

Fonte: ASI/ESA.

Segui la discussione su ForumAstronautico.it

http://www.forumastronautico.it/index.php?topic=25995.0

Filippo Magni

Appassionato di spazio, studente di ingegneria aerospaziale presso il Politecnico di Milano. Collabora all'amministrazione del forum come "Operations Officer". Scrive su AstronautiNEWS da maggio 2009.

Potrebbero interessarti anche...