Le politiche spaziali degli Emirati Arabi Uniti

L’Agenzia Spaziale degli EAU ha annunciato lo scorso 20 settembre il dettaglio della Politica Nazionale del Settore Spaziale. Il programma mira a realizzare un settore spaziale forte ed affidabile, che sostenga e protegga gli interessi nazionali e le relative industrie del settore. Lo sviluppo di una cultura dell’innovazione all’interno del paese è un altro degli obiettivi prefissati.
L’approccio degli EAU allo spazio è divenuto più organico con la creazione, nel 2014, dell’Agenzia Spaziale nazionale, la prima della regione, e si è poi concretizzato nell’annuncio dell’intenzione di esplorare Marte e la sua atmosfera con una missione in partenza nel 2020.
Nel documento presentato a Dubai gli investimenti nel settore spaziale vengono indicati come fondamentali per migliorare le condizioni di vita dei cittadini degli Emirati e per fornire migliori capacità di intervento in caso di crisi e calamità.
Da un punto di vista economico, viene esaltata la collaborazione tra il settore pubblico e privato, e la collaborazione a programmi internazionali di reciproco interesse.
Oltre al governo, hanno collaborato alla stesura della Politica aziende private degli Emirati, fondazioni accademiche e di ricerca, e compagnie straniere che operano fuori dai confini della nazione araba, nonchè esperti di diritto e di discipline tecniche. Nell’ambito della Politica Nazionale, l’Agenzia Spaziale degli EAU dovrà prima completare il quadro normativo di riferimento e poi implementarne le strategie di lungo termine, tra cui la citata missione marziana della sonda Hope, che dovrebbe raggiungere il pianeta rosso in tempo per i festeggiamenti dei 50 anni di vita degli Emirati Arabi Uniti.

  Questo articolo è copyright dell'Associazione ISAA 2006-2024, ove non diversamente indicato. - Consulta la licenza. La nostra licenza non si applica agli eventuali contenuti di terze parti presenti in questo articolo, che rimangono soggetti alle condizioni del rispettivo detentore dei diritti.

Commenti

Discutiamone su ForumAstronautico.it

Paolo Actis

Paolo ha collaborato con AstronautiNEWS dal maggio 2008 al dicembre 2017