(Not) A Spinoff a Day – No, NASA non ha inventato l’imaging a risonanza magnetica

Nella storia delle invenzioni è purtroppo regola comune attribuire la paternità a chi non ne è stato lo scopritore iniziale. Questo avviene per svariati motivi, ed è bene ricordare che non è sempre per dolo. A volte, infatti, succede che una teoria o una nuova tecnologia siano portate alla luce da più individui separatamente ed individualmente, perché gli studi raggiunti in una data epoca storica hanno portato alla naturale scoperta di quel fatto. Un esempio ne è la teoria dell’evoluzione di Darwin e Wallace, per la quale solo uno dei due, ad esempio, è riuscito a scrivere pubblicazioni portate alla ribalta dai giornali specializzati. Più spesso capita che un’invenzione sia il prodotto di una lunga serie di scoperte, e non è pertanto possibile identificare un solo autore.

NASA non sfugge a questa regola, cerchiamo dunque di capire quando poter dire “no, questo non è stato fatto dalla NASA”.

L’imaging a risonanza magnetica è una tecnica di produzione delle immagini usata in campo medico per rilevare la composizione biochimica dei tessuti, verificandone l’integrità. La sua storia inizia nel 1946 quando i due premi Nobel Bloch e Purcell descrivono un fenomeno chimico-fisico basato sulle proprietà magnetiche degli atomi di alcuni elementi e lo chiamano Risonanza Magnetica Nucleare. Dopo di loro, altri premi Nobel si sono susseguiti sviluppando il ragionamento, e portando alla creazione di immagini grezze di alcune parti del corpo umano, alla fine degli anni ’80.

Che cosa c’entra NASA in tutto questo?

Verso la metà degli anni 1960 il Jet Propulsion Laboratory sviluppò la tecnologia di elaborazione digitale delle immagini (questa sì!) in vista del programma di allunaggio Apollo, per poter disporre all’occasione della miglior risoluzione possibile delle immagini lunari che sarebbero state trasmesse dagli astronauti. L’utilizzo degli algoritmi per la creazione di un’immagine digitale ha trovato ampio spazio in moltissime altre applicazioni, specialmente nel campo della medicina, dov’è stata impiegata anche per migliorare sensibilmente la risoluzione delle fotografie derivanti dall’Imaging a risonanza magnetica.

Ecco quindi trovata l’incomprensione: NASA ha contribuito alla MRI tramite uno spinoff tutto suo, ma non l’ha inventata.

L'Imaging a risonanza magnetica non è stato inventato da NASA © Public Domain / Veronica Remondini

L’Imaging a risonanza magnetica non è stato inventato da NASA © Public Domain / Veronica Remondini

Per approfondire:

“Non spin-off” nel dettaglio [ENG]

La risonanza magnetica nucleare [pdf – ITA]

 

Segui la discussione su ForumAstronautico.it

http://www.forumastronautico.it/index.php?topic=24226.0

Veronica Remondini

Appassionata di scienza, è intimamente meravigliata di quanto la razza umana sia in grado di creare, e negare tale abilità allo stesso tempo. Stoica esploratrice di internet, ha una sua condanna: le paroline blu che rimandano ad altre pagine. Collaudatrice dell'abbigliamento da moto Stark Ind., nel tempo libero cerca invano di portare il verbo tesliano nel mondo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.