Un raggio cosmico rallenta DAWN

La sonda DAWN
Rappresentazione artistica della sonda DAWN con in evidenza il motore a ioni alimentato dai pannelli solari Credit: NASA

È stata probabilmente una particella atomica ultra-energetica ad imporre uno spegnimento in safe-mode della sonda NASA DAWN, diretta al planetoide Ceres tra Marte e Giove. Dopo il riavvio, la data di arrivo a destinazione è stata spostata in avanti di circa un mese, ad Aprile 2015.
La spinta del motore a ioni di DAWN si è interrotta lo scorso 11 settembre. Il problema, secondo i tecnici, è affine a quello che si manifestò tre anni fa, mentre DAWN si apprestava ad entrare in orbita intorno a Vesta: una particella proveniente dallo spazio profondo che ha colpito uno degli elementi del sistema propulsivo, forzando il safe-mode.
La soluzione adottata è la medesima di allora: impiegare un degli altri motori a ioni con un diverso controller elettronico, in modo da recuperare immediatamente la spinta. Ciò è accaduto il giorno 15; vi sono programmi per riattivare il componente difettoso entro fine anno.
Contemporaneamente al guasto ai motori si è manifestato anche un malfunzionamento al puntamento dell’antenna principale di DAWN, che ha costretto ad usarne una secondaria (meno performante)  per la trasmissione delle istruzioni per uscire dal safe-mode. Anche in questo caso il guasto potrebbe essere imputato ai raggi cosmici; un reset del computer ha riportato alla normalità le funzioni di puntamento dell’antenna.
Lanciata nel 2007, DAWN sarà la prima sonda ad entrare in orbita intorno a due diversi corpi celesti del sistema solare, grazie alla flebile ma costante spinta generata dai suoi motori a ioni alimentati da corrente elettrica e gas xenon.

  Copyright Associazione ISAA 2006-2020 - Vedi qui i dettagli della licenza.

Discutine con noi su ForumAstronautico.it

Sviluppi e aggiornamenti su questa notizia sono disponibili su ForumAstronautico.it

Paolo Actis

Paolo ha collaborato con AstronautiNEWS dal maggio 2008 al dicembre 2017

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.