Come sarà il rover del 2020

Schema del rover di Mars 2020 Credits: NASA
Schema del rover di Mars 2020 Credits: NASA

NASA ha annunciato il carico scientifico che sarà ospitato sul prossimo rover marziano, previsto per il 2020. I 7 strumenti prescelti sono stati selezionati da un totale di 58 proposte, giunte da tutto il mondo. Il nuovo rover rappresenterà una versione aggiornata e migliorata di Curiosity, che da quasi due anni sta esplorando il pianeta rosso effettuando analisi geologiche, valutando il potenziale per l’abitabilità dell’ambiente e cercando tracce di vita nel passato di Marte. Il nuovo veicolo avrà anche la possibilità di immagazzinare i campioni in vista di una eventuale missione di recupero e ritorno a terra.
Altro aspetto importante dei compiti affidati al prossimo rover è la valutazione dei pericoli e delle potenziali risorse che Marte offrirebbe ad un avamposto umano: ad esempio verrà testata la possibilità di usare l’anidride carbonica locale per ottenere ossigeno, in modo da ridurre drasticamente le scorte che gli esploratori dovranno portare dalla Terra.
I sette strumenti scientifici prescelti sono:

– la Mastcam-Z, con immagine panoramica, stereoscopica ed obiettivo con zoom
– la SuperCam, uno strumento in grado di fornire immagini, analisi della composizione chimica ed informazioni sulla mineralogia. Lo strumento sarà anche in grado di rilevare la presenza di composti organici nella roccia e nella regolite, a distanza. Questo strumento verrà realizzato dalla Francia.
– il Planetary Instrument for X-ray Lithochemistry (PIXL), uno spettrometro a fluorescenza di raggi X completo di camera ad alta risoluzione, per determinare la composizione del suolo come mai prima.
– lo Scanning Habitable Environments with Raman & Luminescence for Organics and Chemicals (SHERLOC), un altro spettrometro basato su un laser ad ultravioletti che integra gli altri strumenti.
– il Mars Oxygen ISRU Experiment (MOXIE), l’esperimento che verificherà la possibilità di estrarre ossigeno dal CO2 di Marte.
– il     Mars Environmental Dynamics Analyzer (MEDA), un set di sensori atmosferici fornito dalla Spagna.
– il Radar Imager for Mars’ Subsurface Experiment (RIMFAX), un radar in grado di penetrare nel sottosuolo che fornirà una immagine con risoluzione centimetrica realizzato in Norvegia.

Segui la discussione su ForumAstronautico.it

http://www.forumastronautico.it/index.php?topic=21839.0

Paolo Actis

Paolo collabora con AstronautiNEWS fin dal maggio 2008.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.