La Orbital rinvia il lancio di Orb-2

La Orbital Sciences Corp. ha rinviato il lancio del razzo Antares per la sua imminente missione commerciale di rifornimento verso l’International Space Station di almeno una settimana, a non prima del 17 Giugno, per concedere più tempo alle indagini sull’incidente occorso al propulsore gravemente danneggiatosi la scorsa settimana durante un test di accettazione al banco.

Il guasto occorso durante il test del 22 Maggio, ha causato un danno importante su di un motore AJ26 sul quale si stava eseguendo un test di accettazione, prima del suo impiego per un lancio pianificato per gli inizi del 2015. I due propulsori montati al primo stadio del vettore Antares della Orbital in vista del lancio inizialmente fissato per il 10 Giugno, avevano già completato i tests al suolo senza problemi. Tuttavia i responsabili della compagnia di Dulles, in Virginia, intendono essere sicuri che ciò che ha causato il fallimento del test del 22 Maggio non rappresenti un rischio per il prossimo lancio dell’Antares.

“La nuova data di lancio è stata stabilita per permettere agli ingegneri responsabili del sistema propulsivo dello stadio principale della Aerojet Rocketdyne e a quelli della Orbital di indagare sulle cause del guasto al motore AJ26 avvenuto la scorsa settimana presso lo Stennis Space Center della NASA durante il consueto test di accettazione.” Queste le parole di un comunicato ufficiale pubblicato sul sito della Orbital Corp. e raccolte da Stephen Clark di Spaceflightnow.com. “L’unità che ha fallito il test era destinata ad essere impiegata in una missione prevista per gli inizi del 2015 e stava eseguendo un test di accensione che tutti i propulsori AJ26 devono superare per essere montati sui vettori Antares.”

Orbital ha dichiarato che quella del 17 Giugno è semplicemente una data di planning e che l’azienda stabilirà una data certa in base ai progressi del team che ha in carico le indagini.

Il guasto è avvenuto alle 3 p.m. EDT del 22 Maggio, approssimativamente dopo 30 secondi di funzionamento, durante un’accensione che era previsto dovesse durare 54 secondi, sullo stand E-1 dello Stennis Space Center nel sud del Mississippi.

Il primo stadio del razzo Antares è spinto da due motori AJ26-62 che funzionano per quasi quattro minuti per spingerlo negli strati più alti dell’atmosfera. Il fornitore della Orbital per quanto riguarda i propulsori AJ26-62, è la Aerojet Rocketdyne che ha acquistato uno stock di propulsori NK-33 degli anni ’70 dalla Russia, modificandoli di seguito per renderli utilizzabili sui vettori statunitensi.

Un team composto da ingegneri della NASA, dell’Aerojet Rocketdyne, della Orbital Sciences e della Lockheed Martin vaglia ogni unità AJ26 tramite una procedura di accettazione presso le strutture dello Stennis Space Center, prima che esse vengano inviate al sito di lancio posto sulle coste della Virginia.

Gli AJ26 bruciano ossigeno liquido e RP-1, un particolare tipo di kerosene altamente raffinato per uso missilistico ed il primo stadio genera circa 326 tonnellate di spinta al livello del mare.

La Orbital Sciences ha un contratto da 1,9 miliardi di Dollari con la NASA, per otto missioni logistiche per il trasporto di rifornimenti ed attrezzature verso la Stazione Spaziale. Il prossimo lancio sarà la seconda missione operativa della Orbital, denominata Orb-2, nell’ambito del suddetto contratto siglato nel Dicembre 2008. La SpaceX ha in essere un contratto simile con l’ente spaziale americano, per il trasporto di materiali da e per l’International Space Station, utilizzando il proprio razzo Falcon 9 e la capsula Dragon.

Per la missione Orb-2 è previsto che la Capsula Cygnus trasporti circa 1600 kg di esperimenti scientifici, rifornimenti per l’equipaggio, CubeSats ed altro hardware sulla Stazione Spaziale; si tratta del più pesante carico trasportato da un veicolo spaziale commerciale.

Il lancio di Orb-2 era già stato precedentemente rinviato agli inizi di Maggio, dopo che la missione cargo della SpaceX che la precedeva, dovette essere a sua volta rinviata per motivi tecnici, innescando un effetto a catena sulla programmazione della Stazione Spaziale.

Le missioni di Antares hanno origine dal pad di lancio 0A del Mid-Atlantic Regional Spaceport, una struttura di proprietà dello stato della Virginia, situata presso la Wallops Flight Facility della NASA.

 

L’AJ26 Engine Test Firing del 17 Gennaio 2014.

 

Il test del 29 Marzo 2014.

 

Fonte: Spaceflightnow.com

 

Nell’immagine in evidenza, il test di accensione di un propulsore  AJ26 E-15  sul Test Stand E-1 presso lo Stennis Space Center della NASA, tenutosi lo scorso 17 Gennaio.  (C) NASA SSC

Segui la discussione su ForumAstronautico.it

http://www.forumastronautico.it/index.php?topic=21514.0

Luca Frigerio

Impiegato nel campo delle materie plastiche e da sempre appassionato di spazio. E' iscritto a forumastronautico.it dal Novembre 2005 e da diversi anni sfoga parte della sua passione scrivendo per astronautinews.it. E' consigliere dell'Associazione Italiana per l'Astronautica e lo Spazio (ISAA)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.