ISS Weekly Status Report – 19.2014

ISS, Shuttle ed ATV

Pubblichiamo il nuovo report delle attività svolte dagli astronauti a bordo della Stazione Spaziale Internazionale

6 maggio

Sprint
Con l’aiuto dell’ingegnere di volo (FE-3) Swanson, il Comandante (CDR) Wakata ha effettuato la rilevazione dell’esperimento Sprint essendo giunto al traguardo del Return-7, ovvero mancano 7 giorni al suo ritorno sulla Terra.
L’esperimento denominato Integrated Resistance and Aerobic Training Study (Sprint) valuta il metodo di allenamento ad alta intensità e bassi carichi previsto per minimizzare la perdita di funzione cardiovascolare e di massa muscolare negli astronauti impegnati in missioni di lunga durata. Queste sessioni di acquisizione ecografica sono effettuate ad intervalli prestabiliti, ovvero al FD14, FD30, FD60, FD90, FD120, FD150, e Return-7.

Micro-7 Canister D Activation
(FE-5) Mastracchio ha rimosso il kit di fissaggio Micro-7 dal Commercial Generic Bioprocessing Apparatus (CGBA)-4 ed il BioCell Habitat D dal CBGA-5. In seguito ha elaborato il BioCell Habitat D per poi riporlo nel Microgravity Experiment Research Locker Incubator II (MERLIN). La maggior parte delle cellule preposte a funzioni critiche del corpo umano sono cellule che non si dividono (es. le cellule del sangue ). Micro-7 è il primo esperimento preposto allo studio di come la microgravità possa incidere sull’espressione genetica e la forma fisica di questi tipi di cellule. Capire come funzionano queste cellule in condizioni di microgravità sarà un passo molto importante verso la comprensione di come gli organi ed i tessuti degli astronauti variano durante il volo spaziale.

Petri Plant Operations
La prima sessione dell’esperimento Petri Plant è stata completata oggi. Wakata ha acquisito con successo i dati su quattro tipi di piante diverse ad ingrandimenti di 2.5X e 10X, utilizzando due differenti filtri al microscopio. Swanson ha successivamente rimosso la piastra di Petri dal Light Microscopy Module (LMM) per stivarla nel Petri Plate Fabric Mount.
L’indagine Petri Plants si concentra sulla crescita e lo sviluppo delle piantine di Arabidopsis thaliana nello spazio, con un focus specifico sulla direzione di crescita delle radici poste in assenza di gravità. Le piante sono coltivate in agar, una soluzione nutritiva di una consistenza simile alla gelatina, ed esposte alla luce oppure al buio. Le piante vengono fatte crescere, raccolte e conservate con un conservante chimico per essere restituite a Terra per le valutazioni post-volo.

Threshold Acceleration for Gravisensing (GRAVI)-2
Oggi è stata completata la prima sessione dell’esperimento GRAVI-2. Mastracchio ha smontato le camere di coltura e le unità fissative dall’European Modular Cultivation System (EMCS) per stivarle nel Biolab Temperature Control Unit.
Lo scopo dell’esperimento GRAVI-2 è quello di sottoporre le piantine di lenticchia a diversi livelli di accelerazione centrifuga al fine di determinare la soglia di risposta delle radici alle accelerazioni. Le radici di queste piantine vengono stimolate in una centrifuga per diverse ore, e la risposta a questi stimoli viene registrata da una telecamera in time-lapse. Dopo il periodo di stimolazione, le radici vengono trattate chimicamente con glutaraldhyde, formaldeide e RNAlater per determinare il movimento degli amiloplasti sotto l’influenza della stimolazione.

SpaceX-3 Optical PAyload for Lasercomm Science (OPALS)
Dopo essere riusciti ieri ed estrarre OPALS dal Dragon trunk, oggi i Robotics Ground Controllers ne hanno predisposto l’installazione che verrà effettuata domani sull’Express Logistics Carrier (ELC) 1. Questo pomeriggio lo Space Station Remote Manipulator System (SSRMS) è stato allontanato dal Mobile Base System (MBS) Power Data Grapple Fixture (PDGF)4. Successivamente verrà estratto lo Special Purpose Dexterous Manipulator (SPDM) ed il Mobile Transporter (MT) verrà traslato dal Work Site 6 (WS-6) al Work Site 7 (WS-7).

37 Soyuz (37S) Departure Preparations
In preparazione della partenza della Soyux 37S, prevista per martedì 13 maggio, Mastracchio e Tyurin hanno effettuato un On Board Training (OBT) sulle procedure di distacco.

ISS Emergency Drill
Wakata, Swanson, (FE-1) Skvortsov ed (FE-2) Artemyev hanno partecipato ad un’esercitazione sulle procedure di emergenza ed al successivo debriefing. La simulazione odierna prevedeva un caso di depressurizzazione improvvisa. Lo scopo di questa esercitazione è stato quello di mettere in pratica le risposte e le informazioni fornite dal simulatore nonchè prendere confidenza con le apparecchiature, con i luoghi e con le interfacce predisposte per essere utilizzate in situazioni di emergenza, il tutto coordinato dai centri di supporto a Terra MCC-H e MCC-M.

 

7 maggio

Threshold Acceleration for Gravisensing (GRAVI)-2 Run #2
(FE-5) Mastracchio ha idratato sedici campioni GRAVI-2 sul MWA, poi ha assemblato sedici nuove camere di coltura GRAVI-2 e otto unità fissative GRAVI-2 nel European Modular Cultivation System (EMCS) utilizzando il vano portaoggetti di BioLab. Lo scopo dell’esperimento GRAVI-2 è quello di sottoporre le piantine di lenticchia a diversi livelli di accelerazione centrifuga al fine di determinare la soglia di risposta alle accelerazioni delle radici. Le radici di queste piantine vengono stimolate in una centrifuga per diverse ore, e la risposta a questi stimoli viene registrata da una telecamera in time-lapse. Dopo il periodo di stimolazione, le radici vengono trattate chimicamente con glutaraldhyde, formaldeide e RNAlater per determinare il movimento degli amiloplasti sotto l’influenza della stimolazione.

Circadian Rhythms
Wakata ha completato la sua ultima sessione di 36 ore dell’esperimento sui ritmi circadiani. I ricercatori ipotizzano che il ciclo di luce-buio non di 24 ore, colpisca gli orologi circadiani dei membri dell’equipaggio. L’esperimento esamina il ruolo dei ritmi circadiani (le reazioni del corpo umano nel ciclo di 24 ore di luce-buio) durante i voli spaziali di lunga durata, per capire come tali ritmi influenzino i cambiamenti nella composizione e nella regolazione della temperatura corporea in concomitanza di una ridotta attività fisica, il tutto in presenza della microgravità e dell’ambiente controllato artificialmente presente a bordo della ISS.

Biological Rhythms
Wakata ha indossato un Actiwatch, ha collegato alcuni elettrodi al petto ed indosserà per le successive 48 ore un Digital Walk Holter Electrocardiogram (ECG) per la seconda sessione dell’esperimento denominato Biological Rhythms. Biological Rhythms 48 hours studia gli effetti sulla funzione cardiaca dell’esposizione a lungo termine alla microgravità, analizzando un elettrocardiogramma di 48 ore.

Biological Research in Canisters (BRIC)-18 Canister D Activation
Mastracchio ha attivato BRIC-18 Canister D e successivamente, nel corso della giornata, ha stivato BRIC-18 Canister D nel Minus Eighty Degree Celsius Laboratory Freezer per ISS (MELFI). L’indagine BRIC-18 si concentrerà sulla crescita e lo sviluppo delle piantine in microgravità.
Queste piantine saranno conservate con l’ausilio di un agente chimico per poter essere reinviate a Terra per le successive analisi.

Veggie Hardware Installation
Swanson e Mastracchio hanno installato l’hardware Veggie nell’Express Rack (ER)-3. Swanson ha inoltre completato un addestramento – On-Board Training (OBT) – sul software di gestione e sull’esperimento denominato VEG-01.
Veggie fornisce la giusta illuminazione ed il corretto apporto dei nutrienti necessari per la crescita delle piante nello spazio. L’esperimento VEG-01 utilizza l’hardware di Veggie a bordo della ISS. Questo studio valuterà le funzioni e le prestazioni di Veggie, ponendo particolare attenzione alla crescita ed allo sviluppo delle piantine di “Outredgeous” Lettuce (Lattuga) nello spazio, e sugli effetti che il volo spaziale imprime alla composizione della flora microbica nelle piante coltivate nell’infrastruttura Veggie.

Optical PAyload for Lasercomm Science (OPALS)
Oggi i Robotics Ground Controllers hanno installato correttamente OPALS sull’Express Logistics Carrier (ELC) 1. La prima attivazione di OPALS è prevista per sabato. OPALS testa il potenziale di utilizzo di un laser nella trasmissione dati a Terra. Il dato, anzichè essere trasmesso mediante onde radio, viene instradato su fasci di luce laser.
[NDT : Gli strumenti scientifici in orbita vicino alla Terra, o nello spazio profondo, richiedono sempre più elevate performance per trasmettere a Terra i dati raccolti o per supportare applicazioni high-data-rate (ad esempio, i flussi video ad alta definizione). Le comunicazioni ottiche (note anche come ‘lasercomm’) sono una tecnologia emergente in cui i dati vengono modulati su raggi laser, permettendo di toccare velocità di trasmissione molto più alte di quanto è possibile ottenere con trasmissioni in radio-frequenza (RF)].

In Flight Maintenance (IFM) Node 2 Common Berthing Mechanism (CBM) Bolt 3-1 Remove and Replace (R&R)
Il 20 aprile, nel corso delle fasi di attracco di Dragon (SPX-3), il CBM Bolt 3-1 ha superato il suo limite di coppia ed è stato successivamente ritirato. Siccome è necessario provvedere alla sostituzione del bullone prima della partenza di Dragon, prevista per il 18 maggio, oggi Wakata e Swanson hanno effettuato l’attività ed eseguito una video ispezione delle filettature.

External (EXT)-2 Multiplexer/Demultiplexer (MDM) Card Removal
L’equipaggio ha rimosso l’Enhanced Input Output Control Unit Circuit Card (EIOCC) e due schede di alimentazione dal EXT-2 MDM guasto. Queste schede saranno reinviate a Terra per una diagnosi.

 

8 maggio

Direct Current Switching Unit (DCSU) 3A Trip
Il DCSU Channel 3A Remote Bus Isolator (RBI) 1 si è bloccato in posizione di aperto. DCSUs 3A e 3B sono stati collegati in parallelo e da allora i carichi elettrici sono stati ripristinati. Le apparecchiature che temporaneamente hanno subito il guasto sono : Optical PAyload for Lasercomm Science (OPALS), AlphaMagnetic Spectrophotometer (AMS), Robotic systems, and 3A PhotoVoltaic Thermal Control System (PVTCS) cooling. Gli specialisti a Terra stanno indagando il problema e predisponendo un piano di intervento.

Dynamism of Auxin Efflux Facilitators, CsPINs, Responsible for Gravity-regulated Growth and Development in Cucumber (CsPINs) Sample Preparation
(CDR) Wakata ha innaffiato cinque camere CsPINs dopidichè le ha inserite nelle Measurement Experiment Units. Tre di queste unità sono state installate nell’incubatrice del Cell Biology Experiment Facility (CBEF). Le restanti due sono state installate nell’incubatrice 1-gravity CBEF. CsPINs utilizza piantine di cetriolo per analizzare l’effetto della gravità sulla formazione della gravimorphogenesis (formazione del peg).
[NDT : Una piccola protuberanza chiamata “peg” appare nella zona di transizione tra il fusto e la radice della piantina di cetriolo subito dopo la germinazione. Si ritiene che la gravità giochi un ruolo nella formazione del “peg”. L’ esperimento mira a osservare la formazione ed il posizionamento del peg in condizioni di gravità zero.]

Petri Plants
(FE-3) Swanson ha inserito una piastra di Petri nel Light Microscopy Module (LMM) Auxiliary Fluids Container (AFC) posto nel Fluids Integrated Rack (FIR). Gli specialisti a Terra hanno assistito in diretta video all’esecuzione delle operazioni. L’indagine Petri Plants si concentra sulla crescita e lo sviluppo delle piantine di Arabidopsis thaliana nello spazio, con un focus specifico sulla direzione di crescita delle radici poste in assenza di gravità. Le piante sono coltivate in agar, una soluzione nutritiva di una consistenza simile alla gelatina, ed esposte alla luce oppure al buio. Le piante vengono fatte crescere, raccolte e conservate con un conservante chimico per essere restituite a Terra per le valutazioni post-volo.

VEG-01 Experiment Run
Swanson ha effettuato alcuni controlli all’hardware Veggie dopodichè ha predisposto il necessario per avviare l’esperimento VEG-01. In fase di installazione era stato riscontrato un problema di idratazione ad uno dei cuscini, risolto con l’utilizzo di un cuscino di backup. Veggie fornisce la giusta illuminazione ed il corretto apporto dei nutrienti necessari per la crescita delle piante nello spazio. L’esperimento VEG-01 utilizza l’hardware di Veggie a bordo della ISS. Questo studio valuterà le funzioni e le prestazioni di Veggie, ponendo particolare attenzione alla crescita ed allo sviluppo delle piantine di “Outredgeous” Lettuce (Lattuga) nello spazio, e sugli effetti del volo spaziale sulla composizione della flora microbica nelle piante coltivate nell’infrastruttura Veggie.

Threshold Acceleration for Gravisensing (GRAVI)-2 Run #2
Alla conclusione della seconda sessione dell’esperimento GRAVI-2, Mastracchio ha spento l’European Modular Cultivation System (EMCS) e rimosso i contenitori degli esperimenti. (FE-5) Mastracchio ha smontato sedici campioni GRAVI-2 e otto unità fissative dai contenitori per esperimenti EMCS. Lo scopo dell’esperimento GRAVI-2 è quello di sottoporre le piantine di lenticchia a diversi livelli di accelerazione centrifuga al fine di determinare la soglia di risposta alle accelerazioni delle radici. Le radici di queste piantine vengono stimolate in una centrifuga per diverse ore, e la risposta a questi stimoli viene registrata da una telecamera in time-lapse. Dopo il periodo di stimolazione, le radici vengono trattate chimicamente con glutaraldhyde, formaldeide e RNAlater per determinare il movimento degli amiloplasti sotto l’influenza della stimolazione.

37S Return Preparations
Oggi l’equipaggio della Soyuz 37S (Wakata, Tyurin e Mastracchio) ha effettuato una esercitazione OBT, ed un successivo debriefing con gli specialisti, in preparazione del loro ritorno a Terra previsto per il 13 maggio. Durante l’esercitazione hanno esaminato le procedure connesse alle operazioni di uscita dall’orbita e quelle della fase di rientro. Nel corso della giornata l’equipaggio della Soyuz 38S (Skvortsov, Artemyev e Swanson) ha eseguito una revisione dei ruoli e delle responsabilità previste per i casi di emergenza che potrebbero verificarsi quando la ISS è abitata da un equipaggio composto da 3 astronauti.

Microbial Capture Device and Coliform Detection Bag (MCD/CFM) visual analysis and data recording
Wakata ha effettuato le analisi sui campioni che sono stati raccolti martedì. Questi campioni verranno inviati a Terra, per ulteriori analisi, con la Soyuz 37S. Questa indagine è stata progettata per rilevare la presenza dei batteri coliformi, che sono un buon indicatore della qualità sanitaria di cibo e acqua.

 

9 maggio

Direct Current Switching Unit (DCSU) 3A
Il sistema di alimentazione elettrica è in una configurazione stabile anche se ieri vi è stato il blocco del DCSU Channel 3A Remote Bus Isolator (RBI) 1. I DCSUs 3A e 3B sono stati connessi allo stesso circuito ed ora i corretti carichi di potenza sono stati ripristinati.
I Ground teams proseguono la loro indagine ma nel frattempo stanno sviluppando un piano di recupero.

Superconducting Submillimeter-Wave Limb-Emission Sounder (SMILES) relocation
SMILES è stato trasferito dalla posizione 3 del Japanese Experiment Module Exposed Facility (JEM EF) alla posizione 5. Questa attività è stata effettuata per creare lo spazio necessario ad accogliere il sistema Cloud-Aerosol Transport System (CATS), il cui arrivo sulla ISS è previsto avvenga con la missione SpaceX-5. Lo studio denominato SMILES intende ricercare tracce di gas nell’atmosfera per mezzo di un ricevitore submillimetrico altamente sensibile.

Dynamism of Auxin Efflux Facilitators, CsPINs, Responsible for Gravity-regulated Growth and Development in Cucumber (CsPINs) Sample Fixation
(CDR) Wakata ha sistemato tre serie di campioni dell’esperimento CsPINs dalle unità Cell Biology Experiment Facility (CBEF) Incubator Unit (IU) microgravity e 1-gravity. Questi campioni saranno successivamente stivati nel Minus Eighty Degree Celsius Laboratory Freezer for ISS (MELFI). CsPINs utilizza piantine di cetriolo per analizzare l’effetto della gravità sulla formazione della gravimorphogenesis (formazione del peg).

Petri Plants
(FE-3) Swanson ha inserito una piastra di Petri nel Light Microscopy Module (LMM) Auxiliary Fluids Container (AFC) posto nel Fluids Integrated Rack (FIR). Gli specialisti a Terra hanno assistito in diretta video all’esecuzione delle operazioni. Swanson ha scattato alcune foto delle piante dopodichè ha effettuato alcuni rilievi per determinare i valori dell’intensità della luce. L’indagine Petri Plants si concentra sulla crescita e lo sviluppo delle piantine di Arabidopsis thaliana nello spazio, con un focus specifico sulla direzione di crescita delle radici poste in assenza di gravità. Le piante sono coltivate in agar, una soluzione nutritiva di una consistenza simile alla gelatina, ed esposte alla luce oppure al buio. Le piante vengono fatte crescere, raccolte e conservate con un conservante chimico per essere restituite a Terra per le valutazioni post-volo.

Biological Rhythms
Wakata ha rimosso il Digital Walk Holter Electrocardiogram (ECG), concludendo la sua seconda sessione relativa ai ritmi biologici e salvando i dati sul computer medico. Biological Rhythms 48 hours studia gli effetti dell’esposizione a lungo termine alla microgravità sulla funzione cardiaca, analizzando un elettrocardiogramma di 48 ore.

NanoRacks Module-27
Wakata ha utilizzato un tampone NanoRacks per raccogliere campioni da varie superfici della ISS per l’esperimento Module-27. Module-27 qualificherà le comunità microbiche presenti sulle superfici a bordo della ISS con metodi di coltura-indipendente. Questi campioni saranno inviati a Terra con la missione SpaceX-3.

Space Test Program- Houston 4 (STP-H4) and Space Communication and Navigation Testbed (SCAN Testbed) survey
I Robotics Ground Controller hanno concluso una ispezione, durata sei mesi, sui payload esterni STP-H4 e SCAN Testbed. Questa indagine ha prodotto una serie di immagini acquisite dallo Space Station Robotic Manipulator System/Special Purpose Dextrous Manipulator (SSRMS/SPDM) con innumerevoli inquadrature ed angoli di luce. Al momento SSRMS/SPDM è in una buona posizione per acquisire la stessa tipologia di immagini del Optical PAyload for Lasercomm Science (OPALS) sull’Express Logistics Carrier (ELC)-1. Questa indagine consente di determinare gli effetti di una lunga esposizione nello spazio, verificare la presenza di eventuali impatti con micro meteoriti – Micro Meteoroid Orbital Debris (MMOD) – ed analizzare l’integrità meccanica del sistema di puntamento delle antenne.

Space-X 3 Release OBT
Swanson ha effettuato un addestramento sul Robotics On-Board Trainer (ROBoT) per simulare il distacco ed il rilascio di Dragon, attualmente previsto per il 18 maggio. Questa sarà la prima volta che il rilascio di un cargo spaziale verrà eseguito da un solo membro USOS. Sono stati messi in atto aggiornamenti alle procedure per sostenere questa attività.

 

12 maggio

Change of Command Ceremony
La Change of Command Ceremony (cerimonia del cambio di comando) si è tenuta oggi al termine della giornata lavorativa che ha visto gli astronauti impegnati nei preparativi per il ritorno a Terra dell’equipaggio della Soyuz 37S, in programma domani. Il Comandante della ISS, CDR Wakata, ha effettuato il passaggio di consegne con Swanson, il nuovo Comandante della Expedition 40. L’undocking è previsto per domani alle 17:36 CDT con atterraggio alle 20:58 CDT.

Salivary Markers
(FE-3) Swanson ha raccolto campioni di sangue ed urina per l’esperimento Salivary Markers, avendo raggiunto il traguardo del Flight Day 90 (FD90). Questi campioni saranno utilizzati per misurare i marcatori di riattivazione virale latente (un indicatore globale di compromissione immunitaria e rischio di infezione) in combinazione con le proteine antimicrobiche salivari.
Questa ricerca permetterà di identificare un sistema immunitario con problemi prima che questo si manifesti come un rischio per la salute dell’intero equipaggio. Il mantenimento di un robusto sistema immunitario durante le missioni spaziali di lunga durata sarà importante per garantire il successo di una missione. Se un’eventuale abbassamento delle difese immunitarie fosse causato dal volo spaziale, questo studio permetterà lo sviluppo di appropriate contromisure che contribuiranno a mitigarne i rischi.

Blood Pressure (BP) Reg (Regulation)
Il Comandante della ISS Wakata ha completato la sua prima ed unica sessione dell’esperimento BP Reg relativo alla rilevazione della pressione sanguigna (Blood Pressure).
Questa indagine mette alla prova l’efficacia di una manipolazione in volo della pressione arteriosa (BP) come indicatore di cosa potrebbe accadere nelle fasi di post-volo. Un test Leg Cuff induce un breve calo di pressione (BP) a seguito del rilascio di una breve ostruzione del flusso sanguigno alle gambe. La variazione dei valori pressori da una situazione di pre-volo a quella di volo sarà utilizzata per predire quali astronauti potrebbero essere suscettibili ed evidenziare un grande calo di BP nei test di supporto post-volo.

Radi-N2 Neutron Field Study (Radi-N2)
(FE-5) Mastracchio ha posizionato otto rilevatori a bolla (bubble detectors) in vari punti della ISS per l’esperimento Radi-N2. L’obiettivo di questa indagine è quello di caratterizzare meglio la presenza di neutroni sulla ISS. I risultati di questa indagine saranno utilizzati per definire i rischi per la salute dei membri dell’equipaggio della ISS e per sviluppare misure di protezione avanzate per i voli spaziali del futuro.

Microbiome Blood Collection
L’ingegnere di volo (FE-5) Mastracchio, aiutato da Swanson, ha raccolto il suo ultimo campione di sangue. Questo campione verrà invivato a Terra con la Soyuz 37S. L’esperimento Microbiome studia gli impatti del viaggio spaziale sul sistema immunitario e sul microbioma di un individuo (l’insieme di microbi che vivono nel e sul corpo umano in un dato momento).

Optical PAyload for Lasercomm Science (OPALS)
Sabato scorso gli specialisti a Terra hanno effettuato con successo una prima verifica al sistema OPALS. Questa verifica ha incluso ciò che viene definito “Health & Status”, la capacità di controllo, il trasferimento dei file, l’attivazione e la calibrazione della sospensione cardanica e l’attivazione del sistema laser, senza però averlo utilizzato. Ora i Ground teams analizzeranno i dati di queste attività ricevuti in downlink. Oggi, mentre erano in corso i controlli da parte degli specialisti, il sistema di telecamere montato su OPALS ha evidenziato un alto flusso di fotoni, dopodiché si è spento. OPALS è attualmente attivo in modalità provvisoria, mentre i Ground teams stanno analizzando i dati per verificare che non vi siano danni al sistema di telecamere.

Extravehicular Mobility Unit (EMU) Fan Pump Separator (FPS) Removal
Swanson e Mastracchio hanno completato la rimozione della FPS dalla EMU 3010. Questa FPS verrà reinviata a Terra con Dragon (missione SpaceX-3).
L’equipaggio è riuscito ad effettuare queste attività in anticipo sulla pianificazione prevista, per questo motivo hanno avuto il tempo di installare la nuova FPS sulla EMU 3010.

 

13 maggio

Salivary Markers Blood Collection
Il Comandante della ISS (CDR) Swanson, con l’aiuto di (FE-5) Mastracchio, ha effettuato una prelievo di sangue per l’esperimento Salivary Markers. Questo campione verrà inviato a Terra con la Soyuz 37S. Questi campioni saranno utilizzati per misurare i marcatori di riattivazione virale latente (un indicatore globale di compromissione immunitaria e rischio di infezione) in combinazione con le proteine antimicrobiche salivari. Questa ricerca permetterà di identificare un sistema immunitario con problemi prima che questo si manifesti come un rischio per la salute dell’intero equipaggio. Il mantenimento di un robusto sistema immunitario durante le missioni spaziali di lunga durata sarà importante per garantire il successo di una missione. Se un’eventuale abbassamento delle difese immunitarie fosse causato dal volo spaziale, questo studio permetterà lo sviluppo di appropriate contromisure che contribuiranno a mitigarne i rischi.

Protein Crystal Growth (PCG) Removal
(FE-6) Wakata ha rimosso i campioni PCG dalla Protein Crystallization Research Facility (PCRF) per stivarli in un contenitore che sarà inviato a Terra con la Soyuz 37S. Questi campioni sono stati conservati e mantenuti nel PCRF dal momento della loro arrivo sulla ISS, avvenuto lo scorso marzo con la Soyuz 38. La microgravità permette la crscita di cristalli di proteine ​​di alta qualità. Le informazioni che la struttura di questi cristalli sarà in grado di fornire, potranno essere utilizzate per la progettazione di nuovi farmaci.

Petri Plant Harvest
L’ISS CDR Swanson ha preparato la Maintenance Work Area (MWA) per la raccolta delle piantine dell’esperimento Petri Plant ed ha rimosso gli esemplari provenienti dalle piastre di Petri, per inserirle nel Kennedy Space Center (KSC) Fixation Tubes (KFTs) in previsione del loro ritorno a Terra con la missione SpaceX-3. L’indagine Petri Plants si concentra sulla crescita e lo sviluppo delle piantine di Arabidopsis thaliana nello spazio, con un focus specifico sulla direzione di crescita delle radici poste in assenza di gravità. Le piante sono coltivate in agar, una soluzione nutritiva di una consistenza simile alla gelatina, ed esposte alla luce oppure al buio. Le piante vengono fatte crescere, raccolte e conservate con un conservante chimico per essere restituite a Terra per le valutazioni post-volo.

Remote Power Controller Module (RPCM) Trips
L’RPC (N3A51B4A-A Remote Power Controller (RPC)-17), che alimenta il compressore Sabatier, si è bloccato questa mattina. Una prima analisi ha evidenziato che la causa non è dovuta ad un problema di sovraccarico elettrico. Gli specialisti stanno indagando per decidere come intervenire.

37 Soyuz (37S) Undock and Landing
Il Comandante della Expedition 39, Commander (CDR) Wakata e gli ingegneri di volo (FE-4) Tyurin e (FE-5) Mastracchio hanno chiuso i boccaporti della Soyuz 37S ed hanno effettuato lo sgancio dalla Stazione Spaziale Internazionale alle 05:36 CDT. La loro partenza conclude la Expedition 39 e segna l’inizio della Expedition 40.
La Soyuz è atterrata nei pressi di Dzhezkazgan, in Kazakhstan, alle 08:58 CDT, terminando una missione che ha visto i tre astronauti trascorrere 187 giorni nello spazio. (CDR) Swanson, (FE-1) Skvortsov ed (FE-2) Artemyev rimarranno in attesa del nuovo equipaggio che giungerà sulla ISS il 28 maggio.

Fonte : NASA

Segui la discussione su ForumAstronautico.it

http://www.forumastronautico.it/index.php?topic=21597.0

Marco Carrara

Da sempre appassionato di spazio, da piccolo sognavo ad occhi aperti guardando alla televisione le gesta degli astronauti impegnati nelle missioni Apollo, crescendo mi sono dovuto accontentare di una più normale professione come sistemista informatico in una banca radicata nel nord Italia. Scrivo su AstronautiNews dal 2010; è il mio modo per continuare a coltivare la mia passione per lo spazio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.