SpaceX comincia un intenso 2014 con il lancio del satellite Thaicom6

Il 2014 si prospetta un periodo di attività molto intenso per la SpaceX. Per il prossimo anno sono infatti programmati più di 10 lanci sia per conto della NASA che di privati, oltre ad importanti test per il vettore Falcon Heavy e per l’attesa versione con equipaggio della capsula Dragon.

Il 3 gennaio si parte con il liftoff del satellite per telecomunicazioni Thaicom 6 (noto anche come Africom 1) costruito dalla Orbital Science Corporation e destinato ad una orbita geostazionaria a livello dell’equatore con 78.5° di longitudine est. L’obiettivo è la copertura in banda Ku e C (frequenze usate principalmente per la trasmissione programmi televisivi e radio) per i paesi del sudest Asiatico, dell’Africa e parte del Medio Oriente. L’operatività preventivata è di 15 anni. La finestra di lancio sarà di 86 minuti a partire dalle 22:57 GMT come pianificato da SpaceX e dalla U.S. Air Force (quest’ultima fornisce supporto a vari livelli per tutti i lanci che avvengono da Cape Canaveral).

la "footprint" delle aree coperte dalle trasmissioni di Thaicom 6. (c) Orbital Science Co.

la “footprint” delle aree coperte dalle trasmissioni di Thaicom 6. (C) Orbital Science Co.

La messa in orbita del satellite di propietà della Thaicom avverrà con l’ormai noto vettore Falcon 9 v 1.1. Questa versione aggiornata ha 8 motori Merlin 1D migliorati e disposti in una formazione circolare denominata “octaweb”, implementa serbatoi più capienti e componenti avioniche con maggiore ridondanza.

In attesa del lancio, la Thaicom annunciò nel maggio 2013 di aver acquistato un satellite già in orbita per ammortizzare eventuali ritardi e poter garantire la copertura delle aree interessate, in modo da rispettare i contratti già stipulati con le reti televisive e di broadcasting.

Gli ingegneri della SpaceX stanno preparando le facilities di Cape Canaveral per l’utilizzo ad un ritmo pittosto serrato. Se il secondo decollo di un Falcon 9 dovesse avvenire il 3 gennaio come pianificato, sarebbe  per il Complex 40  il susseguirsi di missioni più ravvicinato dal 1999, anno in cui i vettori Delta 2 erano impegnati nei lanci della costellazione di satelliti per telecomunicazioni  della Globalstar.

Al momento i tecnici stanno preparando Thaicom 6 in una clean room adiacente alla postazione di assemblaggio dei razzi Falcon 9.

La Thaicom commissionò il lancio nel giugno 2011, divenendo il secondo operatore di satelliti geostazionari a prenotare un Falcon. La prima compagnia di questo settore a credere nei servizi della società di Elon Musk è stata la SES con sede in Lussenburgo e propietaria del satellite SES 8, siglando un contratto nel marzo dello stesso anno. Quando la Thaicom annunciò la costruzione del satellite per rafforzare le fila della propia costellazione, dichiarò un investimento per la società (comprensivo di satellite, servizi vettore e coperture assicurative) per un ammontare di 160 milioni di dollari. Da allora settembre 2013 la società con sede a Bangkok ha dichiarato di aver già venduto il 60% della capacità di trasmissione del satellite.

elaborazione artistica del satellite Thaicom 6. (C) Orbital Science Co.

elaborazione artistica del satellite Thaicom 6. (C) Orbital Science Co.

Il lancio del satellite SES 8 ha dimostrato la competenza della SpaceX di poter operare pienamente per la consegna di carichi utili in orbita geostazionaria, un orbita ambita a livello commerciale ed occupata principalmente da satelliti per le telecomunicazioni.

Dai problemi avuti in occasione del lancio dimostrativo dello scorso 29 settembre 2013, SpaceX ha introdotto importanti modifiche per evitare il congelamento delle condutture che portano i fluidi combustibili al motore. Questa infatti è fino ad ora la causa più accreditata per la fallita riaccensione del motore del secondo stadio, vitale per l’immissione in orbita alta.

Tornando alla tabella di marcia di SpaceX ricca di eventi per il 2014, di seguito i principali obiettivi:

  • Il lancio di 3 missioni di rifornimento per la ISS  da Cape Canaveral usando la capsula Dragon in versione cargo. Queste saranno le missioni numero 3, 4 e 5 di tipo logistico commissionate da NASA per un totale di 12 lanci al costo di 1.6 miliardi di dollari.
  • Due lanci di vettori Falcon 9 per conto della Orbcomm. Porteranno in orbita 17 piccoli satelliti di seconda generazione  per la trasmissione dati.
  • Altri due razzi Falcon 9 porteranno in orbita per conto della AsiaSat i due satelliti AsiaSat 6 e 8
  • Il primo satellite del Turkmenistan, Turkmensat 1 verrà lanciato dalla Florida nel tardo 2014. Inizialmente la messa in orbita era stata programmata con un vettore Cinese Long March. SpaceX si è accaparrata il lancio nel giugno 2013.
  • Il primo test flight del razzo Falcon Heavy: Il lancio avverrà dalla base della U.S. Air Force di Vandenberg in California. Il razzo è equipaggiato con 28 motori di cui 27 vengono accesi sulla rampa di lancio. SpaceX dichiara un carico utile per l’orbita bassa terrestre fino a 53 tonnellate.
  • Due test importanti per lo sviluppo della capsula Dragon in versione manned. Il primo simulerà un liftoff abort sulla rampa di lancio, testando il sistema di razzi di emergenza che porteranno la capsula lontano dal vettore in avaria. Il secondo test dovrà comprovare la capacità dei razzi di emergenza di portare la capsula lontano dal vettore durante la fase di volo che presenta il momento di maggiore carico aerodinamico, a circa 1 minuto dal lancio.
  • Il lancio del satellite per le osservazioni radar SAOCOM 1 A programmato per la fine del 2014 inizio 2015

    Il Falcon 9 v 1.1 con a bordo il satellite SES-8 sul Launch Pad 40 di Cape Canaveral. (C) SpaceX

    Il Falcon 9 v 1.1 con a bordo il satellite SES-8 sul Launch Pad 40 di Cape Canaveral. (C) SpaceX

 

Fonte: Spaceflightnow.com

Immagini : SpaceX; Thaicom; Orbital Science Corporation

 

Raffaele Di Palma

Raffaele collabora con AstronautiNEWS dal giugno 2013.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.