ISS Weekly Status Report – 11.2013

Dettaglio della foto ISS028-E-005671 che mostra ATV attraccato alla ISS - Credit: NASA/Spacemonkey

Pubblichiamo il nuovo report delle attività svolte dagli astronauti a bordo della Stazione Spaziale Internazionale.

 

30 agosto

Ocular Health Ultrasound Eye Imaging
Gli ingegneri di volo (FE-6) Nyberg e (FE-5) Parmitano hanno eseguito la loro sessione di ecografia oculare essendo giunti al loro 90° giorno di volo – Flight Day 90 (FD90).
I dati raccolti in queste sessioni saranno utilizzati per identificare i cambiamenti nella morfologia del bulbo oculare.
Il Crew Medical Officer (CMO), con l’assistenza degli specialisti a Terra, posizionerà la sonda ad ultrasuoni con acqua sopra la palpebra chiusa per raccogliere le immagini ecografiche.

Ocular Health Cardiac Operations
Nyberg e Parmitano hanno inoltre eseguito anche la loro sessione di benessere oculare dal punto di vista della circolazione sanguigna.
I dati fisiologici raccolti serviranno a caratterizzare i rischi e definire le modifiche che l’esposizione a sei mesi di microgravità possono arrecare al sistema nervoso visivo e centrale.

Microbiome Body Sampling
Il raggiungimento del Flight Day 90 (FD90) ha comportato per Parmitano e Nyberg l’esecuzione delle indagini Microbiome.
L’esperimento Microbiome indaga gli impatti che un viaggio nello spazio può arrecare al sistema immunitario ed al campione di microbi che vivono normalmente e costantemente sul corpo umano.
Per monitorare lo stato del sistema immunitario e del microbioma dei membri dell’equipaggio si procede ad una raccolta periodica di campioni prelevati da diverse parti del corpo e da zone della ISS con cui gli astronauti interagiscono.

Space Station Remote Manipulator System (SSRMS) and Exposed Pallet (EP) Operations
I controllori a Terra hanno attivato il Mobile Servicing System (MSS) e, collaborando in coordinazione con la controparte JAXA, hanno consegnato l’External Pallet (EP) ad SSRMS prelevandolo dal Japanese Experimental Module Remote Manipulator System (JEM RMS).
Successivamente l’EP è stato spostato su HTV-4 per permettere a (FE-3) Cassidy ed a (FE-5) Parmitano di inserire il pallet.

 

3 settembre

Extravehicular Mobility Unit (EMU) Troubleshooting
Sabato gli ingegneri di volo (FE-3) Cassidy e (FE-6) Nyberg hanno eseguito la sostituzione della valvola di condensa dell’acqua (item 134) e del relativo filtro della EMU n° 3011.
L’equipaggio ha successivamente condotto un test di screening della EMU scoprendo che l’anomalia relativa alla presenza di acqua era ancora presente.
Hanno poi proceduto con la sostituzione della valvola del gas (item 141), ma anche in questo caso l’anomalia non è stata risolta. Gli specialisti a Terra stanno ora concentrando la loro attenzione sulla ventola/pompa/separatore (item 123) ritenendo come possibili cause di anomalia un tubo di Pitot parzialmente ostruito o una saldatura difettosa.

Node 3 Major Constituent Analyzer (MCA) On-orbit Replacement Units (ORU) 2 – Mass Spectrometer Failure
Lo spettrometro di massa MCA ORU 2 del Node 3 non è più funzionante da sabato. Un’unità di scorta è stata recentemente spedita sulla ISS con HTV-4 ed ora gli specialisti a Terra stanno lavorando su un piano per recuperare tale avaria.
Nel frattempo l’equipaggio utilizzerà un monitor portatile per rilevare i livelli di ossigeno – Portable Oxygen Monitor (POM) e di anidride carbonica – Carbon Dioxide Monitor (CDM).
Oltre a ciò si stà monitorando la telemetria per rilevare tali valori anche dagli analizzatori posti in Columbus e nel Service Module.

H-II Transfer Vehicle (HTV) On-Board Training (OBT) Departure Computer Based Training (CBT)
Oggi Parmitano e Nyberg hanno consolidato l’addestramento sui profili, sulle precedure e sulle interfacce legate alla partenza di HTV.
La lezione ha fornito passo dopo passo istruzioni ed immagini sulle procedure di partenza del cargo spaziale, nonchè una panoramica dei comandi di guida a disposizione dell’equipaggio tramite l’Hardware Command Panel (HCP).
Il distacco di HTV dalla ISS è previsto per mercoledì 4 Settembre.

Cell Biology Experiment Facility (CBEF) Micro-G and 1G Wipe
Cassidy ha pulito l’interno dell’incubatore CBEF Incubator Unit (IU) Micro-G and 1G. La Cell Biology Experiment Facility (CBEF) è un esperimento dell’Agenzia Spaziale Giapponese (JAXA) situato nel Saibo (living cell) Experiment Rack.
Il CBEF, situato nel Japanese Experiment Module (JEM), viene utilizzato in vari esperimenti di scienza della vita come la coltura di cellule e la coltivazione di piante.

Reentry Data Acquisition using I Ball Reentry Recorder (IBALL)
Cassidy ha installato tre piatre termocoppia IBall all’interno di H-II Transfer Vehicle (HTV), ha poi acceso l’I BALL Reentry Recorder ed ha iniziato la calibrazione dei timer e dell’accelerometro.
L’indagine denominata IBALL è costituita da un sensore sferico che acquisisce in continuo i dati relativi alla posizione, accelerazione, temperatura e dati di immagini durante la fase di rientro di HTV.
Durante le fasi di rientro atmosferico IBALL raccoglie automaticamente i dati e li invia al suolo per l’elaborazione al fine di comprendere più a fondo i processi e le caratteristiche riguardanti il rientro dei veicoli spaziali.

HTV Preparation for Hatch Closure
Parmitano e Nyberg hanno dato inizio alle attività di configurazione in previsione della partenza di HTV-4. L’attività di oggi ha incluso la rimozione del jumper del modulo di ventilazione – Inter-module Ventilation (IMV) Supply Jumper alimentazione, dei ponticelli per la trasmissione dati, due ponticelli di alimentazione elettrica ed il jumper dell’Air Revitalization System (ARS).
L’equipaggio ha anche installato alcune coperture termiche. A conclusione dell’attività di oggi, l’hatch del nodo 2 Nadir è stato chiuso.

 

4 settembre

H-II Transfer Vehicle (HTV)-4 Departure
Questa mattina (FE-5) Parmitano e (FE-6) Nyberg hanno concluso le attività scollegando tutti i cavi di collegamento di HTV-4.
Nel frattempo (FE-3) Cassidy ha depressurizzato il vestibolo situato tra HTV-4 e il Nodo 2 in vista del distacco del cargo. HTV-4 subito dopo il distacco è stato poi manovrato alla posizione di rilascio tramite lo Space Station Remote Manipulator System (SSRMS).  Nyberg, con Parmitano in qualità di assistente, ha rilasciato HTV-4 alle 11:20 CDT. Il rientro distruttivo in atmosfera è previsto per sabato 7 settembre.

Fluid Science Laboratory (FSL) Small Computer System Interface (SCSI) End Termination Install
Parmitano ha installato il terminatore dietro l’unità di gestione video FSL – FSL Video Management Unit (VMU) Digital Line Tape (DLT) – del registratore digitale per recuperare la capacità di registrazione.
La FSL VMU aveva perso la sua capacità di registrazione in formato JPEG durante l’attuale Expedition. Gli specialisti a Terra hanno identificato nella terminazione SCSI VMU la possibile causa dell’anomalia ed hanno inviato sulla ISS un nuovo terminatore.

Binary Colloidal Alloy Test (BCAT) C1 Partial Setup in Japanese Experiment Module (JEM)
Cassidy ha verificato la messa a punto dei componenti hardware dell’esperimento BCAT-C1 in preparazione dei test che verranno svolti nel JEM.
La sue attività hanno incluso la creazione del modulo a crescita lenta, la verifica della configurazione della fotocamera D2Xs e della unità flash SB-800.
Gli studi sperimentali denominati BCAT-C1 analizzano le nano particelle disperse in un liquido, noto come sospensione colloidale, che si trovano comunemente in prodotti commerciali come vernici, prodotti lucidanti, prodotti elettronici e prodotti alimentari.
Queste sospensioni hanno una proprietà unica, ovvero la capacità di autoassemblarsi in cristalli che interagiscono fortemente con la luce.
Fotografare questi esempi in microgravità permette una misurazione più accurata di questi processi evitando gli effetti che queste particelle subirebbero se gli stessi test fossero effettuati sulla Terra con la gravità.

Resist Tubule Charged coupled devices (CCD) Camera Setup
Nyberg ha installato la telecamera a CCD del microscopio e la camera di calibrazione. Queste attività sono propedeutiche all’avvio dell’esperimento denominato Resist Tubule a cui verrà dato il via durante la Expedition 37.
Resist Tubule è un’indagine che sfrutta l’ambiente di microgravità presente sulla ISS per esaminare le modifiche nei componenti cellulari che sono responsabili della resistenza alla gravità nelle piante. Le conoscenze raccolte nel corso di questa indagine consentiranno una più efficiente coltivazione di prodotti vegetali nello spazio e sulla Terra.

 

5 settembre

Node 3 Carbon Dioxide Removal Assembly (CDRA) Air Selector Valve (ASV) 103 Remove and Replace (R&R)
L’ingegnere di volo (FE-3) Cassidy ha sostituito il CDRA ASV del Nodo 3. La valvola non era stata in grado di raggiungere la posizione “B” per due volte in passato.
La telemetria ha indicato che la valvola si era bloccata in una posizione intermedia. Questa attività di sostituzione verrà effettuata con l’ultimo ricambio a bordo della ISS, tuttavia altre valvole sono in preparazione e verranno recapitate sulla ISS con un lancio SpaceX (SPX-3).
La valvola rimossa rimarrà bordo della ISS per un eventuale uso in caso di urgenza, ma per ripristinarne la piena funzionalità si renderà necessaria una pulizia.

Synchronized Position Hold, Engage, Reorient, Experimental Satellites (SPHERES)
Cassidy e Parmitano hanno preparato due SPHERES per un esperimento di controllo tramite smartphone.
SPHERES è il nome utilizzato per identificare satelliti sferici di dimensioni comparabili ad una palla da bowling che verranno utilizzati all’interno della ISS per testare una serie di istruzioni ben precise per l’esecuzione autonoma di rendez-vous spaziali e manovre di attracco.
Le informazioni ricevute da questo esperimento potrebbero portare al potenziamento dei sistemi spaziali.

Asian Seed Experiment Termination
(FE-6) Nyberg ha filmato e fatto osservazioni sulla crescita di alcuni germogli di fagioli rossi. Il video è poi stato spedito agli studenti della regione Asia-Pacifico per permettere loro di conoscere come si vive nello spazio e quali esperimenti è possibile eseguire.

Urine Processing Assembly (UPA) Failure
Mercoledì sera l’UPA ha subito un imprevisto arresto durante un ciclo di lavorazione della durata di circa 3 ore.
Una analisi dei dati ha stabilito che la causa del blocco è dovuta ad un picco di corrente nella pompa – Fluids Control and Pump Assembly (FCPA).
Questa mattina il team di controllo a Terra ha tentato un riavvio dellla pompa UPA, ma questa si è immediatamente spenta per lo stesso problema
di alto carico elettrico.
Il team di ingegneri continuerà a esaminare i dati provenienti da questi eventi, tuttavia questo problema aveva già portato in passato a sostituire la pompa FCPA.
L’attuale FCPA Orbit Replaceable Unit (ORU) è stata installata nel marzo di quest’anno. Attualmente vi è una pompa FCPA di ricambio a bordo mentre una nuovo ricambio aggiuntivo è previsto che arrivi sulla ISS con il volo SpaceX-3.

Total Organic Carbon Analyzer (TOCA) Ethernet Connection
Oggi Nyberg ha collegato il TOCA alla Operations Local Area Network (OpsLAN) tramite cavo Ethernet e ha aggiornato il software di TOCA per supportare la connessione.
L’aver collegato il TOCA alla OpsLAN permetterà di ridurre il tempo di trasferimento dei dati visto che da ora sarà possibile spedire i files direttamente senza dover passare l’utilizzo di un hard disk Universal Serial Bus (USB).
Tutte le indicazioni confermano che l’aggiornamento del software è riuscito anche se è apparso un messaggio di errore per un probabile problema di connessione di rete. Gli specialisti stanno lavorando per risolvere il problema anche se non è ancora chiaro se saranno in grado di risolverlo prima della successiva sessione TOCA pianificata per Lunedi.

 

6 settembre

Spinal Ultrasound Scan Operations
L’ingegnere di Volo (FE-6) Nyberg, con l’assistenza di (FE-5) Parmitano, ha eseguito la seconda delle tre sessioni di ecografia spinale previste durante la sua permanenza a bordo della ISS. Questa ricerca si propone di caratterizzare gli effetti della microgravità sulle
alterazioni della colonna vertebrale durante e dopo il volo spaziale. I risultati di questa ricerca forniranno i dati necessari a migliorare il benessere degli equipaggi impegnati in missioni spaziali di lunga durata.

Binary Colloidal Alloy Test (BCAT) C1 Partial Setup in Japanese Experiment Module (JEM)
(FE-3) Cassidy ha predisposto il modulo a crescita lenta BCAT-C1, ha verificato la configurazione della fotocamera D2Xs e dell’unità flash SB-800.
Ha poi omogeneizzato il contenuto di una provetta ed ha scattato alcune fotografie dopo averne miscelato il contenuto.

Emergency Roles and Responsibilities Review
(FE-4) Yurichikhin, Parmitano e Nyberg hanno rivisto e ripassato le procedure ed i ruoli stabiliti in risposta alle emergenze di bordo della ISS.

Soyuz Onboard Training (OBT)
Il comandante (CDR) Vinogradov, (FE-2) Misurkin e (FE-3) Cassidy hanno partecipato a una sessione di addestramento in preparazione del loro ritorno a Terra previsto per martedì 10 settembre.
La formazione ha riguardato un riesame delle operazioni di sgancio, delle fasi di discesa nonché uno studio dettagliato della timeline di discesa.

Photo TV (P/TV) HTV Re-entry Photo Camera Setup
Cassidy ha predisposto 3 fotocamere Nikon D3S in Cupola per fotografare la fase di rientro in atmosfera di HTV 4, rientro previsto per sabato 7 settembre.

Diapason
Parmitano ha configurato lo strumento Diapason per un test. L’esperimento studia la migrazione e la cattura delle nanoparticelle sottoposte a piccoli gradienti termici.
La dimensione delle particelle varia da 2 nm a 1 micron. Questo studio consente il monitoraggio dell’inquinamento generato dalla combustione, l’analisi e l’identificazione di contaminanti atmosferici a bordo della ISS.

Space Station Remote Manipulator System (SSRMS) Ops
Durante la notte i controllori a Terra hanno manovrato SSRMS verso il Permanent Multipurpose Module (PMM), posizione dalla quale l’equipaggio della ISS partirà per le attività previste per il 9 settembre 2013.

 

Pubblicato da AstronautiNEWS / Associazione ISAA

Marco Carrara

Da sempre appassionato di spazio, da piccolo sognavo ad occhi aperti guardando alla televisione le gesta degli astronauti impegnati nelle missioni Apollo, crescendo mi sono dovuto accontentare di una più normale professione come sistemista informatico in una banca radicata nel nord Italia. Scrivo su AstronautiNews dal 2010; è il mio modo per continuare a coltivare la mia passione per lo spazio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.