Videoricordo di Vostok 1 nel 52° anniversario del volo di Yuri Gagarin

Mockup della capsula Vostok 1 al Musée de l'Air et de l'Espace di Parigi, Le Bourget. Foto dell’utente Pline di Wikimedia Commons distribuita con licenza GNU Free Documentation License http://commons.wikimedia.org/wiki/File:Vostok-1-musee-du-Bourget-P.jpg
Mockup della capsula Vostok 1 al Musée de l'Air et de l'Espace di Parigi, Le Bourget. Foto dell’utente Pline di Wikimedia Commons distribuita con licenza GNU Free Documentation License http://commons.wikimedia.org/wiki/File:Vostok-1-musee-du-Bourget-P.jpg

Il 12 aprile 1961 Yuri Alekseyevich Gagarin, un pilota militare sovietico di 27 anni, entrò nella storia diventando il primo uomo a raggiungere lo spazio. La sua missione, Vostok 1, compì un volo orbitale della durata di circa un’ora e 48 minuti.

Il razzo R-7 con la capsula Vostok fu lanciato dal cosmodromo di Baikonur, nell’attuale Kazakistan, alle 06:07 UTC del 12 aprile e la inserì in un’orbita con perigeo di 169 km e apogeo di 327 km. Al termine della prima rivoluzione la Vostok accese un motore a razzo per frenare e rientrare nell’atmosfera, e poco dopo si dispiegò il paracadute del veicolo. Gagarin venne espulso dalla capsula e scese separatamente con un proprio paracadute, atterrando alle 07:55 UTC a poca distanza da Engels, nell’Oblast’ di Saratov, ad alcune centinaia di km dal sito di lancio.

Gagarin diventò subito un eroe celebrato internazionalmente, oltre che un simbolo politico e culturale dei progressi dell’Unione Sovietica. Morì il 27 marzo 1968 in un incidente aereo durante un volo di addestramento.

Ricordiamo oggi l’impresa di Gagarin, nel 52° anniversario del suo storico volo, con una serie di video che mostrano filmati d’epoca, testimonianze e ricostruzioni sulla missione Vostok 1, e la figura del cosmonauta.

Iniziamo con alcune immagini d’archivio sulla costruzione delle capsule Vostok e il razzo R-7, le missioni di collaudo, l’addestramento dei cosmonauti del gruppo di Gagarin, la preparazione e il lancio di Vostok 1, e le celebrazioni dopo la missione.

Altre immagini storiche dei preparativi e del lancio di Vostok 1, il recupero e i festeggiamenti pubblici, con voci e suoni d’epoca.

Una ricostruzione dell’intera missione Vostok 1 realizzata con il software di simulazione spaziale Orbiter.

In occasione del 50° anniversario di Vostok 1 del 12 aprile 2011 fu rilasciato First Orbit, un film con riprese della Terra realizzate dagli astronauti della Stazione Spaziale Internazionale, fra cui l’italiano Paolo Nespoli, combinate in modo da coprire un’intera orbita in posizioni e condizioni di illuminazione simili a quelle del volo di Gagarin. Le immagini sono accompagnate dall’audio delle comunicazioni radio originali della missione. È la rappresentazione più realistica di ciò che vide il cosmonauta dallo spazio.

Un servizio giornalistico su Gagarin con brani di sue interviste, immagini della vita del cosmonauta e testimonianze di protagonisti del programma spaziale sovietico.

Nell’Unione Sovietica dal 1962 il 12 aprile fu proclamato festa nazionale, il Giorno della Cosmonautica, con manifestazioni ufficiali e commemorazioni dell’impresa di Gagarin e del volo umano nello spazio. Dal 2004 si celebra in tutto il mondo il 12 aprile la conquista dello spazio nella Yuri’s Night, un’iniziativa ispirata al volo di Gagarin con conferenze, feste e altri eventi pubblici.

Segui la discussione su ForumAstronautico.it

http://www.forumastronautico.it/index.php?topic=19356

Paolo Amoroso

Si occupa di divulgazione e didattica dell'astronomia e dello spazio. Attualmente collabora con il Planetario di Milano e fino al 2012 ha lavorato per il Museo Astronomico di Brera. Si interessa di astronomia, astronautica ed esplorazione dello spazio, scienza, Google, editoria digitale e tecnologie informatiche. È nel Direttivo dell'Associazione Italiana per l'Astronautica e lo Spazio (ISAA), per la quale svolge diverse attività fra cui la co-conduzione del podcast AstronautiCAST.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.