Testato il sistema GPS Galileo

Nella mattinata del 12 marzo u.s., presso il Laboratorio Navigazione di ESTEC situato a Noordwijk, Olanda, è avvenuta la prima acquisizione di posizione con l’impiego dei segnali della costellazione europea di satelliti Galileo. La precisione raggiunta, tra i 10 ed i 15 metri, è coerente con la limitata infrastruttura attualmente disponibile. Sono infatti solo 4 i satelliti oggi operativi, il numero minimo indispensabile per stabilire una posizione nelle tre dimensioni. Il test ha riguardato anche i due centri di controllo dei satelliti in Italia e Germania, ed i loro collegamenti con la rete di stazioni a terra disseminate sul territorio dell’Unione.
Si è trattato di una decisiva prova di validazione prima dell’avvio, entro fine anno, della fase di pieno sviluppo operativo. Al momento i  satelliti sono visibili contemporaneamente solo per 2-3 ore al giorno; ovviamente tutto ciò cambierà con il lancio di nuovi satelliti e la attivazione di altre stazioni di terra in vista dell’inizio dell’erogazione del servizio, previsto per fine 2014.
Nei prossimi mesi, i tecnici lavoreranno per definire lo “spostamento” tra il sistema orario di Galileo e quello del Tempo Universale Coordinato (UTC), e tra Galileo ed il sistema GPS. Questo permetterà di usare applicazioni di precisione per la misura del tempo, nonchè di rendere intercambiabili le costellazioni GPS e Galileo.
Galileo è un sistema sviluppato da ESA e finanziato dalla Commissione Europea.

fonte: ESA

  Ove non diversamente indicato, questo articolo è © 2006-2023 Associazione ISAA - Leggi la licenza. La nostra licenza non si applica agli eventuali contenuti di terze parti presenti in questo articolo, che rimangono soggetti alle condizioni del rispettivo detentore dei diritti.

Commenti

Discutiamone su ForumAstronautico.it

Paolo Actis

Paolo ha collaborato con AstronautiNEWS dal maggio 2008 al dicembre 2017