Sally Ride ci ha lasciato

Sally Ride è morta ieri, 23 luglio 2012, in seguito ad una battaglia di 17 mesi contro un cancro al pancreas.

Selezionata nel 1978 tra i “TFNG”, thirty-five new guys, la prima classe di Astronauti successiva al programma Apollo, è diventata la prima donna Americana a volare nello spazio a bordo dello Space Shuttle con le missioni STS-7 e STS-41D, rispettivamente nel 1983 e nel 1984 .

La sua esperienza con NASA è continuata con la partecipazione alla commissione presidenziale di inchiesta a seguito dell’incidente del Challenger nel 1986, mentre si preparava al suo terzo volo, attaccando pubblicamente e con veemenza l’approccio disinvolto ai problemi potenzialmente fatali, che avevano caratterizzato i primi voli Shuttle.
In seguito ha contribuito, presso il quartier generale di NASA, a progettare la strategia di esplorazione spaziale Americana, prima di lasciare l’agenzia spaziale Americana nel 1987; tuttavia, Ride ha servito anche nella commissione che ha investigato sull’incidente del Columbia nel 2003 e nella commissione Augustine che ha revisionato i piani americani di esplorazione umana dello spazio gestendo la transizione del fallimentare progetto Constellation.

In seguito ad una carriera accademica presso l’International Security and Arms Control della Stanford University e il Dipartimento di Fisica della Università della California presso San Diego, nel 1989 è diventata direttore del California Space Institute.

Nel 2001 ha fondato Sally Ride Sience, una società che realizza materiale educativo scientifico e programmi di formazione per insegnanti, in linea con il suo supporto per la divulgazione e l’educazione come mezzo per ispirare le nuove generazioni ad intraprendere carriere tecniche e scientifiche.
È stata inoltre autrice di cinque libri per bambini sull’esplorazione spaziale.

 

  Questo articolo è © 2006-2019 dell'Associazione ISAA - Alcuni diritti riservati.

Discutine con noi su ForumAstronautico.it

Sviluppi e aggiornamenti su questa notizia sono disponibili su ForumAstronautico.it

Michael Sacchi

Ingegnere Informatico e gestionale, è Ground Operation Engineer presso DLR a Oberpfaffenhofen, in Baviera. Si occupa principalmente del sistema informatico di ISAA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.