2011, l’anno che verrà… nello spazio

Il logo di AstronautiNEWS. credit: Riccardo Rossi/ISAA
Il logo di AstronautiNEWS. credit: Riccardo Rossi/ISAA

Inizia un anno, il 2011, interessante e pieno di avvenimenti nell'ambito delle attività spaziali.
Uno dei più significativi eventi del 2011 sarà la cessazione del programma STS, con la effettuazione delle due rimanenti missioni, la STS-133 e la STS-134, a cui potrebbe aggiungersi anche una STS-135, ancora non finanziata.
Sulla ISS continuerà l'avvicendamento delle varie spedizioni, con quattro missioni Sojuz-TMA per la rotazione degli equipaggi.
I rifornimenti automatici saranno garantiti dalle solite missioni Russe Progress e dalle navi cargo HTV-2 e ATV-2, rispettivamente Giapponese e Europea.
I lanci di queste ultime sono programmati per il 20 Gennaio e per il 15 Febbraio, rispettivamente.
Prima della fine dell'anno potrebbe inoltre iniziare l'operatività delle navicelle cargo Dragon, mentre per le navi Cygnus è previsto un primo volo di test orbitale, con il debutto del nuovo vettore Taurus-2.
Nello spazio profondo sono programmati tre avvenimenti importanti,
il 14 febbraio, la sonda Stardust/NExT passerà a 200 km dalla Cometa Tempel-1, in Marzo la sonda Messenger entrerà in orbita Mercuriana e in Agosto la sonda Dawn incontrerà l'asteroide Vesta, uno dei più grandi della cintura asteroidale posta tra le orbite di Marte e di Giove.
Altre missioni interplanetarie prenderanno il via durante il 2011.
Il 5 Agosto, con un Atlas-5 partirà da Cape Canaveral la sonda Gioviana Juno, dallo stesso poligono, il 25 Novembre prenderà il via la missione MSL-Curiosity, che prevede un nuovo rover sulla superficie Marziana.
Nell'ambito della missione GRAIL, la NASA invierà inoltre una coppia di sonde in orbita Lunare, con lancio previsto per l'8 Settembre, tramite un vettore Delta-2H.
Entro la fine dell'anno, da Bajkonur partirà la missione Russa Fobos-Grunt, destinata a riportare a terra un campione del suolo della luna marziana Fobos.
Il lancio avverrà tramite un razzo vettore Zenit-2SLB, che invierà verso Marte anche il minisatellite Cinese Yinghuo-1.
Tra i lanci satellitari previsti per il 2011 occorre rilevare il doppio debutto di due lanciatori dal poligono equatoriale di Kourou, il vettore Sojuz-2, previsto per Aprile e il Vega, programmato per la metà dell'anno.
Oltre allo Space Shuttle, nel 2011 terminerà la carriera anche il glorioso lanciatore Delta-2, che oltre alla missione lunare GRAIL, lancerà due satelliti da Vandenberg, il SAC-D/Aquarius il 9 Giugno e il satellite meteo NPP il 25 Ottobre.
Gli USA manderanno in orbita parecchi satelliti con scopi militari, tra cui i satelliti segreti NROL-49, NROL-66, NROL-27, NROL-34 e NROL-15.
Inoltre l'X-37/OTV-2, lo SBIRS GEO-1, l'ORS-1, il Tacsat-4 e almeno un lancio di satelliti GPS-2F.
E' previsto anche il ritorno all'attività di lancio della società Land Launch, consociata della Sea Launch, con il satellite Intelsat-18 da Bajkonur, verso la metà dell'anno.
Per quanto riguarda la Cina, dopo il numero di lanci record del 2010,  si prevede un ulteriore aumento dei lanci satellitari, in particolare per i satelliti navigazionali Beidou/Compass.
Sono previsti inoltre i lanci della stazione orbitale Tiangong-1 e della navicella Shenzhou-8, senza equipaggio, che dovrebbe tentare l'aggancio automatico alla ministazione.

  © 2006-2022 Associazione ISAA - Alcuni diritti sono riservati.

Fausto dell'Orto

Fausto dell'Orto, articolista storico di AstronautiNEWS e gia' attivo su ForumAstronautico.it, ha collaborato con questo blog dalla sua fondazione fino al luglio 2011.