La NASA intenzionata a chiedere aiuto alle industrie per Ares V e Altair.

Il logo di AstronautiNEWS. credit: Riccardo Rossi/ISAA
Il logo di AstronautiNEWS. credit: Riccardo Rossi/ISAA

Il prossimo Gennaio l'ente spaziale americano emetterà dei “bandi multipli” diretti alle industrie americane, per lo sviluppo di alcuni punti specifici dell'heavylift cargo launch vehicle Ares V e del lander lunare Altair.

Riguardo ad Ares V le aree in cui si richiede collaborazione sono: Earth departure stage, core stage, first stage, avionics and shroud. La deadline per le proposte è prevista per la primavera del prossimo anno. La NASA conta di iniziare lo sviluppo dettagliato del vettore nel 2011, con il primo test flight   in programma per il 2018.

Riguardo alle tecnologie da impiegare, la NASA punta decisamente sui compositi, pensando anche alla costruzione delle strutture cilindriche da 10 m di diametro del core stage, ma sembra proprio che i compositi saranno il materiale chiave per la costruzione di Ares V.
L'altra sfida tecnologica per il vettore, riguarda la gestione a lungo termine dei criogenici e la costruzione degli ugelli.

Riguardo ad Altair, le industrie americane dovranno inviare proposte sulle strutture primarie, e sulle sezioni pressurizzate per l'equipaggio sempre in composito, sulla gestione dei fluidi criogenici, e sul throttling engine a LOX/LH2 ad alta affidabilità.

L'ente americano ha comunque in programma un “Industy day” a Novembre, dove anticiperà i punti focali della RFP.

Luca Frigerio

Impiegato nel campo delle materie plastiche e da sempre appassionato di spazio. E' iscritto a forumastronautico.it dal Novembre 2005 e da diversi anni sfoga parte della sua passione scrivendo per astronautinews.it. E' consigliere dell'Associazione Italiana per l'Astronautica e lo Spazio (ISAA)