Studio Nasa per Avamposto Lunare: Nuova Fase

Il logo di AstronautiNEWS. credit: Riccardo Rossi/ISAA
Il logo di AstronautiNEWS. credit: Riccardo Rossi/ISAA

Comunicato Stampa del 23/06/08

Houston – Gli scienziati ed ingegneri della Nasa hanno completato il giorno 20 giugno una fase di revisione che aiutera' a determinare i sistemi necessari per riportare l'uomo sulla Luna e stabilirvi un avamposto.

I 3 giorni dedicati alla Revisione del Concetto di Capacita' Lunare hanno concluso uno studio durato 9 mesi e guidato dal Direttorato Sistemi di Missione per l'Esplorazione presso il quartier generala Nasa di Washington; lo studio riguarda obiettivi scientifici ed esplorativi precedentemente sviluppati dai rappresentanti di 14 paesi nell'ambito della Strategia Globale di Esplorazione.

Lo studio ha avuto come oggetto diversi scenari di missione lunare, comparandoli con le capacita' del nuovo vettore per carichi pesanti Ares e del modulo di atterraggio lunare Altair, cosi' come previsti dai rispettivi progetti. Questa revisione, guidata dall'Ufficio Programma Constellation presso il Centro Spaziale Nasa Johnson di Houston, ha definito tutti i parametri tecnici richiesti per iniziare la Fase A, la prima nella preparazione dei requisiti dei veicoli.

"Abbiamo avuto la conferma che i progetti Constellation sia dell'Ares V che dell'Altair ci metteranno in condizione di far atterrare astronauti e carichi ovunque sulla Luna, e costruire un avamposto che supporti un'ampia esplorazione della superficie lunare" ha detto Jeff Hanley, Manager del Programma Constellation presso il Johnson SC. "Questa revisione approfondita prova che siamo pronti per la prossima fase: partire da questi concetti e portarci verso requisiti piu' definiti".

Secondo Hanley, lo studio testimonia la bonta' dei postulati iniziali, dimostrando che i veicoli possono essere realizzati in tempo per riportare uomini sulla Luna entro il 2020.

La revisione ha altresi' rafforzato il ruolo centrale dei partners internazionali e della collaborazione tra industrie nello sviluppo dei sistemi di superficie per le missioni umane sulla Luna.

La Fase A comincia il processo di definizione del veicolo e dei requisiti. Durante questa fase, i team di progetto di Ares V ed Altair si baseranno su quanto emerso durante la Revisione del Concetto di Capacita' Lunare e definiranno i bisogni per le missioni lunari, stabiliranno i progetti richiesti e determineranno i programmi per sviluppare le tecnologie necessarie. La Fase A culminera' nella Revisione dei Requisiti di Sistema  per la struttura di trasporto lunare Nasa, auspicabilmente entro il 2010.

La revisione ha leggermente modificato le iniziali configurazioni del razzo Ares V per assicurare la sua capacita' di portare il modulo di atterraggio lunare Altair, 4 astronauti ed il relativo carico, ovunque sulla Luna, e riportare l'equipaggio sulla Terra in qualunque momento. Per raggiungere tali obiettivi, l'attuale configurazione dell'Ares V prevede 6 motori RS-68B ad ossigeno ed idrogeno liquidi montati su uno stadio centrale, unitamente a due boosters a propellente solido da 5 segmenti e mezzo, i quali sono la diretta evoluzione del primo stadio del razzo Ares I. Lo stadio superiore dell'Ares V spingera' la capsula Orion per l'equipaggio verso la Luna utilizzando lo stesso motore J-2X del vettore di lancio per equipaggi Ares I. L'Ares V sara' altro circa 381 piedi (circa 116 metri – ndt), e sara' in grado di inviare piu' di 156.500 libbre (circa 71 tonnellate – ndt) di carico e componenti in orbita lunare, e, successivamente, verso Marte ed altre destinazioni-

Altair sara' in grado di depositare 4 astronauti ovunque sulla Luna, fornendo supporto vitale ed una base per le prime missioni di esplorazione della durata di una settimana, e di riportare l'equipaggio al veicolo Orion per il ritorno verso la Terra. Una varante del modulo di atterraggio fungera' da veicolo automatico per carichi, portando componenti modulari dell'avamposto ed equipaggiamento scientifico sulla superficie lunare.

La decisione formale di iniziare la Fase A sara' presa dai vertici Nasa prima della fine dell'anno.

L'Ufficio Programma Constellation presso il Johnson ha la responsabilita' di sviluppare il futuro sistema di trasporto umano per lo spazio, che sara' impiegato per estendere la presenza dell'uomo attraverso tutto il sistema solare. Il programma include molteplici uffici progetti e squadre tecniche presso tutti i 10 centri Nasa, e presso organizzazioni appaltatrici in tutto il paese (USA, ovviamente – ndt). Il progetto Orion ed il progetto Altair sono anche guidati dal centro Johnson. L'Ufficio Progetto Ares presso il Marshall Space Flight Center della Nasa ad Huntsville, Alabama, guida la progettazione e lo sviluppo del razzo Ares I e del vettore Ares V. Il Progetto Operazioni a Terra  presso Il Centro Spaziale Kennedy in Florida gestira' le operazioni di terra e di lancio per i veicoli.

Per informazioni sul programma Constellation, visitate:

www.nasa.gov/constellation

(fonte: comunicato stampa NASA)

Paolo Actis

Paolo collabora con AstronautiNEWS fin dal maggio 2008.