Lanciato il satellite ChinaSat-9.

Il logo di AstronautiNEWS. credit: Riccardo Rossi/ISAA
Il logo di AstronautiNEWS. credit: Riccardo Rossi/ISAA

Il terzo lancio Cinese del 2008 ha visto il satellite ZX-9 (ZhongXing-9 o ChinaSat-9) partire verso l’orbita alle 14:15 italiane dallo XiChang Satellite Launch Center, nella provincia Sichuan, tristemente famosa per il recente terremoto. Il vettore era un CZ-3B (Chang Zheng-3B, Lunga Marcia-3B), partito dalla rampa LC2.

Il satellite.
ZhongXing-9 è stato costruito dalla Alcatel Alenia (Ex Alcatel Space) ed è basato sulla piattaforma Spacebus-4000C2. Verrà controllato dalla China Direct Broadcast Satellite Co. Ltd.
Il satellite, che fa parte della prima generazione cinese di sistemi DBS (Direct Broadcast Satellite), ha 22 transponder attivi in banda Ku (18 sui 36MHz e 4 sui 54 MHZ), che verranno utilizzati per la diffusione dei servizi dalla posizione geosincrona di 92,2 gradi est.
Con una vita operativa prevista di 15 anni, coprirà il 98% della popolazione cinese, incluse Hong Kong, Macao e Taiwan. All’interno di questa area saranno così disponibili fino a 200 canali in definizione standard ed HD con semplici antenne da 45 a 60 cm di diametro.
In Cina ci sono oltre 378 milioni di famiglie delle quali 140 milioni sono utenti di TV via cavo, ma tutte e 378 milioni sono in grado di ricevere via etere. La copertura di ZhonhXing-9 permetterà così alla popolazione cinese di seguire i Giochi Olimpici di Pechino 2008.
Come il suo predecessore, Xinnuo-2, anche ZhongXing-9 usa il sistema ABS-S (Advanced Broadcast System-Satellite) che permette un aumento di efficienza di banda del 30%.
Entro il 2010, la China Direct Broadcast Satellite Co. Ltd. ha in programma di lanciare i satelliti Xinnuo-4 (Sinosat-4) e Xinnuo-6 (Sinosat-6) per aumentare le sue capacità di trasmissione.
L’accordo per la costruzione dello ZhongXing-9 è stato firmato nell’aprile del 2005 con il contratto di lancio finalizzato il 9 novembre 2005 fra la China Great Wall Industry Corporation e la China Satellite Communications Corporation.
Il lancio era dapprima previsto per la seconda metà del 2007, ma è poi stato spostato a maggio di quest’anno ed il satellite è giunto all'aeroporto di XiChang Qingshan il 5 maggio a bordo di un Antonov An-124.
Il 12 maggio, il devastante terremoto di magnitudo 8,0 ha per fortuna risparmiato lo XiChang Satellite Launch Center permettendo di proseguire, dopo i dovuti controlli, la preparazione al lancio. La prima data prevista era stata il 22 giugno, ma è poi stato anticipato al 9.

Il vettore.
Il missile CZ-3B Chang Zheng-3B è un vettore a tre stadi, sviluppato per coprire le richieste del mercato satellitare mondiale. Il suo progetto è iniziato nel 1986, basato sull’affidabile CZ-3A Chang Zheng-3A ed è il più potente lanciatore della flotta cinese.
Il veicolo ha lo stadio principale spinto da quattro booster a combustibile liquido. Lo sviluppo di questo veicolo è basato sull’enorme patrimonio tecnologico della famiglia di vettori Lunga Marcia ed è dedicato per il lancio di grandi satelliti per telecomunicazioni, fino ad una massa di 5'100 kg verso l’orbita geosincrona (GTO). La massa al decollo è di 426 tonnellate, la lunghezza è 54,5 metri e il diametro della stiva di carico varia fra 4 e 4,2 metri. La percentuale di successo è del 90%.
Questo è stato il decimo lancio CZ-3B, il successo numero 108 nella storia delle missioni cinesi e la missione numero 107 della famiglia Lunga Marcia.
Il 2008 dovrebbe vedere anche il lancio della Shenzhou-7 con tre Taikonauti a bordo e uno dei tre eseguirà la prima attività extraveicolare dell’ambizioso programma spaziale cinese. Questa missione è stata prevista fra il 12 ed il 14 di ottobre.
Il prossimo lancio dovrà avvenire fra luglio ed agosto quando un vettore CZ-2C Chang Zheng-2C porterà in orbita due satelliti Huan Jing (1A e 1B) dal Taiyuan Satellite Launch Center.

Il XiChang Satellite Launch Center.
Il primo obiettivo dello XiChang Satellite Launch Center è il lancio di satelliti per comunicazioni e meteorologici da inserire in orbita geostazionaria. È stato costruito apposta per vincere gli appalti dai fornitori di questo tipo di servizi.
Posizionato nella provincia del Sichuan nella Cina sud-occidentale, il centro ha due rampe di lancio e il suo quartier generale è nella città di XiChang, 65 km dal poligono. Il clima è sub-tropicale con temperatura media di 16°C.
L’aeroporto XiChang è posizionato nella periferia nord della città. La pista maggiore dello scalo è lunga 3'600 m e quindi riesce a gestire anche i grandi aerei cargo. Il centro missilistico è anche servito dalla ferrovia Chengdu-Kunming e dall’autostrada Sichuan-Yunnan.
Tutto il processo di allestimento, preparazione, logistica e soggiorno in hotel è disponibile ai clienti internazionali dei servizi di lancio.

Fonte: NASA SpaceFlight
Foto: China Daily

Luigi Morielli

Luigi ha collaborato con AstronautiNEWS fino al luglio 2010. Da allora si e' trasferito in pianta stabile sul suo blog personale Astrogation - http://astrogation.blogspot.com - e cura la rubrica di Astronautica sulla rivista Coelum.