Ecliptic Enterprises per LCROSS

Il logo di AstronautiNEWS. credit: Riccardo Rossi/ISAA
Il logo di AstronautiNEWS. credit: Riccardo Rossi/ISAA

Ecliptic Enterprises e NASA hanno siglato un accordo di collaborazione per la missione Lunare LCROSS, prevista a fine 2008.
In particolare Ecliptic Enterprises, leader mondiale nelle riprese video spaziali, dai lanciatori alle sonde automatiche, fornirà supporto e attrezzature per la missione.
Con l'approvazione, lo scorso Gennaio, del payload scientifico di questa missione, sviluppato dal Ames Research Center è previsto di far impattare su un cratere perennemente in ombra del polo sud lunare prima l'upper stage della missione e in seguito la stessa LCROSS, per scoprire se c'è realmente acqua in queste zone lunari, come ipotizzato dalla sonda Clementine.
La missione, che verrà lanciata insieme al Lunar Recoinessance Orbiter e da cui si separerà poche ore dopo il lancio, prevede di far schiantare prima l'ultimo stadio dell'Atlas 5, un Centaur, del lanciatore utilizzato, e in rapida successione, LCROSS con la sua strumentazione scientifica.
Quattro minuti dopo l'impatto del Centaur si getterà attraversando la nube sollevata e disintegrandosi poco dopo nello stesso cratere. Prima di precipitare effettuerà una serie di rilevazioni, dal momento del primo impatto, inizialmente da una distanza di circa 10km, fino alla propria fine.
A bordo sono previste telecamere ottiche, infrarosse (a varie lunghezze d'onda), spettrometri nel visibile e nell'infrarosso, un fotometro e un sistema di raccolta e invio dati.
Con il primo impatto è previsto il sollevamento di circa 1000 tonnellate di materiale (il Centaur peserà circa 2ton e sprigionerà un'energia superiore alle 200 volte rispetto quella del Lunar Prospector), e fra questi si cercherà la presenza di acqua, che potrà essere rilevata se in percentuale superiore al 0,5% del materiale sollevato. Questo e l'ulteriore materiale che LCROSS, con i suoi 700kg, solleverà sarà analizzato anche da Terra, aprendo una campagna d'osservazione che comprenderà sia piccoli telescopi amatoriali sia i più famosi Chandra e Hubble più lo stesso LRO.
Ecliptic Enterprises fornirà quindi l'avionica di LCROSS, il Data Handling Unit (DHU), che controllerà e invierà quasi istantaneamente tutti i dati raccolti dai 9 sensori a bordo, i quali comprenderanno anche una telecamera ottica di Ecliptic Enterprise che riprenderà tutta la sequenza di avvenimenti fino all'impatto della sonda.

Alberto Zampieron

Appassionato di spazio da sempre e laureato in ingegneria aerospaziale al Politecnico di Torino, è stato socio fondatore di ISAA. Collabora con Astronautinews sin dalla fondazione e attualmente coordina le attività fra gli articolisti.