Rilasciata la Flight Review del Demo Flight 2 di SpaceX

Il logo di AstronautiNEWS. credit: Riccardo Rossi/ISAA
Il logo di AstronautiNEWS. credit: Riccardo Rossi/ISAA

E' stata rilasciata la review del secondo Demo Flight del nuovo vettore di SpaceX Falcon 1 svoltosi lo scorso 20 Marzo con il supporto di Defense Advanced Research Projects Agency (DARPA) e US Air Force (USAF).
Il vettore ha raggiunto l'altezza massima di 289Km e la velocità di 5.1Km/s, seguendo con precisione la groundtrack prevista.
La missione ha anche dimostrato la validità della ground station e la rapidità di ricondizionamento per il volo dopo una prima partenza abortita a -0.5s quando la pressione nella camera di combustione era 0.5% al di sotto del valore previsto.
I risultati raggiunti durante questo volo sono:
– Ground control & support systems, inclusi software, operazioni altamente autonome e autonomous abort
– Rapid response capability – Lancio avvenuto entro 70min dal primo abort
– Performance del 1° stadio dalla partenza al MECO
– Performance strutturali del veicolo dalla partenza al volo transonico fino al Max-Q
– Separazione 1° stadio
– Accensione 2° stadio
– Performance 2° stadio nel vuoto
– Separazione ogiva
– Sistemi, di controllo, navigazione e guida nei primi 475s inclusi tutti i regimi di volo
– Software
– Condizioni ambientali al lancio e durante il volo: Shock termici e vibrazioni
– Protezioni termiche di entrambi gli stadi

A causa delle anomalie nell'ultima parte del volo è stato impossibile testare praticamente tutto l'inviluppo ma se non ci fosse stato lo spegnimento anticipato del propulsore, dai dati raccolti, si è accertato che il lanciatore aveva la capacità e le performance per raggiungere l'orbita prevista nel percorso preventivato.
Tutto il documento è scaricabile qui:
http://web.archive.org/web/20120306015017/http://www.spacex.com/F1-DemoFlight2-Flight-Review.pdf

Alberto Zampieron

Appassionato di spazio da sempre e laureato in ingegneria aerospaziale al Politecnico di Torino, è stato socio fondatore di ISAA. Collabora con Astronautinews sin dalla fondazione e attualmente coordina le attività fra gli articolisti.