Friends in Space, un social network per seguire Samantha Cristoforetti nello spazio

Schermata del sito Friends in Space (prototipo). Credit: Accurat
Schermata del sito Friends in Space (prototipo). Credit: Accurat
Stampa questo articolo Stampa questo articolo

Accurat ha annunciato Friends in Space, un’applicazione web per seguire l’avventura dell’astronauta Samantha Cristoforetti sulla Stazione Spaziale Internazionale per la missione Futura.

Friends in Space è allo stesso tempo un’applicazione di data visualization e un social network. Permette di sapere in tempo reale dove si trova la ISS con Samantha, cosa fa, e cosa vede guardando la Terra dallo spazio. Ha inoltre funzionalità social per interagire con altri utenti di tutto il mondo creando un legame simbolico fra di loro e con Samantha.

Il progetto è nato da uno scambio di idee fra Samantha Cristoforetti e Giorgia Lupi, cofondatrice dell’agenzia di information e data design Accurat che ha realizzato l’applicazione. Ha contribuito idee e feedback un gruppo internazionale di appassionati di spazio ed esperti, fra cui alcuni componenti del Direttivo della nostra Associazione ISAA.

Il sito, in inglese per rivolgersi a un vasto pubblico internazionale, è visitabile all’indirizzo friendsinspace.org Sarà operativo dal 24 novembre 2014, il primo giorno nello spazio dell’astronauta italiana, e rimarrà attivo per tutta la sua missione.

Come si usa

Friends in Space comprende tre viste o sezioni principali. Si tratta di ambienti esplorabili che visualizzano il presente, il passato e il futuro della presenza di Samantha nello spazio nella missione Futura.

L’utente tiene aperto il sito in un browser per seguire gli eventi dell’applicazione, fra cui le risposte di Samantha ai saluti, e interagire con altre persone di tutto il mondo.

L’accesso con un account social permette l’utilizzo di ulteriori funzionalità coma la control room, attivabile cliccando il bottone “YOUR CONTROL ROOM”, che riassume le statistiche di utilizzo e altre informazioni. Per l’accesso a Friends in Space con un account social sono utilizzabili le proprie credenziali Twitter, Facebook o Google+.

Il sito richiede un browser per computer desktop e non è progettato per i dispositivi mobile. Una breve descrizione delle funzionalità principali è consultabile nella sezione “ABOUT THE PROJECT”.

Presente

La sezione del presente (bottone “NOW”), che è quella predefinita quando si visita il sito, visualizza in tempo reale la posizione della ISS dove si trova Samantha, con la traiettoria al suolo dell’orbita della stazione spaziale su una mappa del pianeta richiamabile con il bottone “SHOW MAP”. La vista indica inoltre le posizioni degli utenti collegati.

La vista del presente del sito Friends in Space (prototipo). Credit: Accurat

La vista del presente del sito Friends in Space (prototipo). Credit: Accurat

Cliccando il bottone “Hello Samantha!” quando la ISS transita vicino alla propria area geografica si manda un saluto a Samantha, un semplice “ciao”. L’astronauta potrà rispondere collettivamente ai saluti quando ne avrà il tempo e l’occasione.

Il bottone “Hello!” manda invece un saluto agli utenti vicini. Ulteriori interazioni fra di loro possono avvenire attraverso i profili dei social network utilizzati per l’accesso a Friends in Space.

Le posizioni degli utenti di una stessa zona sono aggregate in marcatori grafici che ricordano i dischi delle stelle in una mappa stellare, con dimensioni proporzionali al numero di utenti che comprendono. Friends in Space unisce i marcatori in raggruppamenti chiamati costellazioni, attraversate dall’orbita della stazione spaziale con a bordo Samantha, e segnala graficamente anche i gruppi di saluti.

Il bottone “SHOW LIVE VIDEO” fa scorrere sullo sfondo le riprese video HD in tempo reale della Terra dalle telecamere dell’esperimento HDEV sulla ISS. Il video mostra ciò che Samantha può vedere guardando il pianeta. Fanno da sottofondo sonoro le comunicazioni radio degli astronauti, in cui si potrà ascoltare anche la voce di Samantha.

Futuro

La vista del futuro, attivabile con il bottone “Explore the FUTURE”, consente di conoscere gli orari dei prossimi passaggi della ISS visibili dalle aree geografiche attraversate. Ci si può così preparare a osservarli o a mandare un saluto a Samantha. Le previsioni dei passaggi sono anche inseribili nel proprio calendario Google Calendar, Outlook, Yahoo e altri.

La vista del futuro del sito Friends in Space (prototipo). Credit: Accurat

La vista del futuro del sito Friends in Space (prototipo). Credit: Accurat

Le viste del passato e del futuro sintetizzano inoltre le principali attività di bordo della ISS fra cui il lavoro sugli esperimenti scientifici, le attività di manutenzione, le passeggiate spaziali e i turni di riposo degli astronauti.

Passato

La vista del passato, attivabile cliccando il bottone “Explore the PAST”, raccoglie visualizzazioni e informazioni per rivivere gli eventi passati del volo nello spazio di Samantha e le interazioni con l’applicazione.

La vista del passato del sito Friends in Space (prototipo). Credit: Accurat

La vista del passato del sito Friends in Space (prototipo). Credit: Accurat

Facendo scorrere il tempo all’indietro si può vedere dove si trovava la ISS con Samantha in un determinato momento, quali utenti l’hanno salutata e altro. La vista include l’archivio dei tweet dell’astronauta e le foto che ha fatto dallo spazio.

Control room

Questa sezione di Friends in Space si raggiunge cliccando il bottone “YOUR CONTROL ROOM”, che appare solo a chi effettua l’accesso con un account social. La sezione raggruppa le statistiche sulla propria esperienza con l’applicazione fra cui una sintesi visiva delle orbite seguite, dati sulla distanza percorsa nello spazio con Samantha, i profili degli utenti con cui si è interagito, e altri dati riassuntivi.

Copyright immagine: Accurat

Segui la discussione su ForumAstronautico.it

http://www.forumastronautico.it/index.php?topic=22510.0

Paolo Amoroso

Si occupa di divulgazione e didattica dell'astronomia e dello spazio. Attualmente collabora con il Planetario di Milano e fino al 2012 ha lavorato per il Museo Astronomico di Brera. Si interessa di astronomia, astronautica ed esplorazione dello spazio, scienza, Google, editoria digitale e tecnologie informatiche. È nel Direttivo dell'Associazione Italiana per l'Astronautica e lo Spazio (ISAA), per la quale svolge diverse attività fra cui la co-conduzione del podcast AstronautiCAST.

Potrebbe anche interessarti...