ISS Weekly Status Report – 12.2018

ISS, Shuttle, Soyuz ed ATV

Pubblichiamo il nuovo report delle attività svolte dagli astronauti a bordo della Stazione Spaziale Internazionale

25 aprile

Integrated Communications Unit (ICU) R4 Transition
Ieri è stato caricato un aggiornamento software del Ku-Band Command and Data Processer (KCDP) necessario per correggere l’anomalia in cui l’invio di grandi pacchetti di dati interrompeva il flusso della trasmissione. Al termine del caricamento, gli specialisti a Terra hanno trasferito i servizi dalla KU Comm Unit (KCU) 1 alla KCU 2, su cui era stata caricata la nuova versione di software R4. Poco dopo il trasferimento dei servizi sono state notate due interruzioni intermittenti e sono state rilevate anomalie sulla prestazione globale del flusso in trasferimento. Il settore Engineering sta monitorando l’operatività del flusso su KCU 2. In definitiva, ICU R4 dovrebbe raddoppiare la velocità di collegamento e le velocità di registrazione e riproduzione da 256 Mbps a 512 Mbps.

Veggie Passive Orbital Nutrient Delivery System (PONDS)
L’equipaggio ha installato la struttura Veggie PONDS ed ha avviato l’esperimento. Gli organismi, dai batteri alle piante, crescono in modo diverso nello spazio rispetto a quanto osservato a Terra. Le future missioni spaziali di lunga durata richiederanno ai membri dell’equipaggio di coltivare il proprio cibo. Capire come le piante rispondono alla microgravità ed attivare una produzione affidabile di vegetali sono passi importanti verso questo obiettivo. Veggie PONDS utilizza un sistema di somministrazione di nutrienti di nuova concezione che, in collaborazione con l’impianto di crescita vegetale Veggie già a bordo della ISS, provvederà alla coltivazione di lattuga e mizuna verdi che devono essere raccolte e consumate in orbita.

Miniature Exercise Device (MED-2)
L’equipaggio ha installato le telecamere nel Node 3 ed in Cupola per poter registrare alcuni video degli esercizi fisici svolti con l’Advanced Resistive Exercise Device (ARED) e con MED-2. Vivere in microgravità implica una riduzione del tono muscolare ed un indebolimento, una decalcificazione, delle ossa degli equipaggi, per questo motivo gli astronauti in orbita spendono notevoli quantità di tempo in esercizi fisici con attrezzature ginniche che sono grandi ed ingombranti. MED-2 mira a dimostrare che attrezzature più piccole di dimensioni e massa possono fornire un supporto adeguato alle sessioni di allenamento dell’equipaggio.

Mouse Stress Defense
L’equipaggio ha riempito i contenitori di acqua delle gabbiette e controllato gli ugelli di distribuzione. La microgravità innesca stress cellulari che provocano la riduzione della densità muscolare ed ossea. Per superare questi stress, una delle strategie promettenti è l’attivazione di Nrf2, un regolatore antiossidante. Mouse Stress Defense studia topi geneticamente modificati; alcuni con un valore ridotto di Nrf2 ed altri con un valore incrementato di Nrf2 per osservare come Nrf2 possa contribuire alla prevenzione efficace degli stress originati dal vivere in microgravità.

Radiation Area Monitoring (RAM) retrieve
L’equipaggio ha recuperato un totale di 68 Radiation Area Monitor da tutti e quattro i Crew Quarter per predisporli al ritorno a Terra a bordo del cargo Dragon della missione SpX-14. I livelli di esposizione alle radiazioni registrati dai sensori nei quattro Crew Quarter (CQ) del Node 2 differiscono significativamente tra loro. Appare chiaro che queste differenze derivano da una fonte di radiazione intrappolata non isotropa, accoppiata a fattori di schermatura irregolari. In passato veniva utilizzato un solo RAM in ogni CQ. Per poter effettuare una miglior valutazione delle radiazioni è stato necessario distribuire più RAM all’interno di ogni CQ. L’analisi di questa mole di dati consentirà agli specialisti a Terra il miglioramento della gestione del rischio dovuta all’esposizione alle radiazioni.

External TV Camera Group (ETVCG) Disassembly and Bulb R&R
Questa mattina l’equipaggio ha smontato l’ETCVG che era stato sostituito durante l’attività extraveicolare denominata Node 3 External Wireless Communication (EWC) US Extra-vehicular Activity (EVA). Lo scopo di questa attività era la rimozione della Video Camera Luminare (VCL), ormai giunta al termine della sua vita utile, per sostituirla con una nuova VCL. Lo smontaggio si è svolto regolarmente, ma sono emersi problemi durante il test della fonte luminosa di backup. Durante la verifica del bulbo secondario, si è verificato un errore che ha causato l’apertura del relè dell’Utility Outlet Panel (UOP). Per determinare se la causa fosse il bulbo, il vecchio VCL, quello con vita residua limitata, è stato collocato nella posizione E2, mentre la nuova lampadina è stata installata in E1. La lampadina E1 si è accesa con successo ed ora l’ETCVG è considerata operativa.

Dragon Cargo Operations
Sono proseguite oggi le operazioni di carico merci su Dragon. I Payload Specialist stimano che manchino ancora 10 ore e 30 minuti di lavoro per concludere i trasferimenti. Dragon (Mission SpaceX-14) dovrebbe lasciare la ISS il 2 maggio alle ore 09:32 CDT.

Extravehicular Activity (EVA) Preparation
L’equipaggio ha installato oggi l’Enhanced Caution and Warning System (ECWS) Onboard Trainer per ripassare le procedure connesse con le EMU (ECWS) e le Cuff checklist. Queste attività hanno dato il via alla preparazione della US EVA 50, attualmente in programma per il 16 maggio.

 

26 aprile

NanoRacks Module-66
L’equipaggio ha rimosso il NanoRacks Module-66 dalla NanoRacks Platform-1 per predisporlo al ritorno a Terra a bordo del cargo Dragon della missione SpaceX-14. Questa indagine esamina la formazione di fibrille e di peptidi beta-amiloidi in microgravità usando uno spettrometro a fluorescenza. L’Alzheimer, un processo neurodegenerativo irreversibile, è una malattia caratterizzata dalla formazione di grovigli neurofibrillari di proteina tau e placche o gruppi di peptidi beta-amiloide, che uccidono le cellule cerebrali. La ricerca ha permesso di scoprire che uno stadio intermedio nella formazione di fibrille è dieci volte più tossico e può giocare un ruolo importante nella morte cellulare e nello sviluppo del morbo di Alzheimer. I risultati di questa ricerca potrebbero identificare un metodo per rallentare la velocità di diffusione dell’Alzheimer e/o eliminare gli effetti tossici del peptide beta-amiloide.

Vascular Echo Mobil-O-Graph (MOG)
L’equipaggio ha configurato il MOG con il computer portatile dell’European Physiology Modules (EPM) per predisporre le sessioni di monitoraggio della pressione sanguigna nel corso di un’osservazione di 24 ore, quale parte dello studio Vascular Echo. Il MOG è un sistema di monitoraggio e registrazione delle pulsazioni e della pressione arteriosa che non interferisce con le altre attività o con il periodo di sonno dell’equipaggio. L’obiettivo è misurare e quantificare i cambiamenti strutturali e funzionali della funzione cardiaca e vascolare durante i 6 mesi di volo spaziale. All’inizio di ogni sessione, il membro dell’equipaggio collegherà il MOG al laptop EPM, configurerà il MOG ed indosserà il dispositivo per 24 ore.

Circadian Rhythms
Un membro dell’equipaggio ha rimosso e stivato l’Actiwatch ed il Thermolab dopo aver concluso la sessione di acquisizione dati durata 36 ore. L’esperimento esamina il ruolo dei ritmi circadiani (le reazioni del corpo umano nel ciclo di 24 ore di luce-buio) durante i voli spaziali di lunga durata, per capire come tali ritmi influenzino i cambiamenti nella composizione e nella regolazione della temperatura corporea in concomitanza di una ridotta attività fisica, il tutto in presenza della microgravità e dell’ambiente controllato artificialmente presente a bordo della ISS.

Meteor
L’equipaggio ha sostituito il disco rigido del portatile Meteor posto all’interno della Window Observational Research Facility (WORF). Il payload Meteor è uno strumento per l’analisi dello spettro visibile con lo scopo primario di osservare meteore nell’orbita terrestre. L’indagine Meteor consiste nell’acquisizione di video ed immagini ad alta risoluzione dell’atmosfera terrestre, successivamente rielaborati da un particolare software, per la ricerca dei punti luminosi e l’osservazione di meteoriti in orbita terrestre.

TangoLab-1
L’equipaggio ha rimosso da Tangolab-1 la scheda dei contenitori dell’esperimento. TangoLab-1 è una struttura riconfigurabile progettata per la ricerca e lo sviluppo in microgravità e la produzione pilota a bordo della ISS.

Service Module Release 8.10 (SM 8.10)
Gli specialisti del centro di controllo di Mosca hanno aggiornato la notte scorsa il software del Russian Segment Service Module (SM). Questo aggiornamento consentirà l’integrazione del nuovo sistema di comunicazioni radio russe in banda Ku denominato ШСС (Broadband Communication System). L’aggiornamento fornirà supporto anche ai nuovi veicoli americani, oltre che abilitare anche il segmento russo ad effettuare le Optimal Propellant attitude Maneuvers (OPM).

Node 3 Low Temperature Loop (LTL) Pump Package Assembly (PPA) R&R
L’equipaggio ha effettuato oggi la sostituzione del Node 3 Low Temperature Loop (LTL) Pump Package Assembly (PPA). Questo PPA era soggetto da tempo ad improvvisi cali di velocità della girante quando la velocità richiesta era la più elevata, ovvero quando sorgeva la necessaria di supportare la configurazione a circuito singolo dell’Internal Active Thermal Control System (IATCS). Il team degli specialisti a Terra aveva stabilito che il PPA dovesse essere sostituito. Sulla ISS ci sono due pompe di questo tipo installate nell’US Lab, nel Node 2 e nel Node 3 che forniscono raffreddamento ad acqua ai payload ed ai circuiti elettronici dei sistemi critici.

Extravehicular Activity (EVA) Preparations
L’equipaggio ha posizionato una dopo l’altra le Extravehicular Mobility Units (EMU) sull’EMU Don/Doff Assembly (EDDA) per effettuare l’attività annuale di svuotamento e successivo riempimento d’acqua dei Portable Life Support System (PLSS). Questa attività è necessaria per proteggere i circuiti idraulici delle EMU che sono particolarmente sensibili alla contaminazione. L’equipaggio ha inoltre raccolto e configurato gli strumenti e le attrezzature necessarie per effettuare la prossima US EVA, attualmente prevista il 16 maggio.

Space Station Remote Manipulator System (SSRMS) operations
I Robotics Ground Controller hanno utilizzato SSRMS per installare il Materials Transfer Tray (MTT) sulla Japanese Experiment Module (JEM) ORU Transfer Interface (JOTI). JOTI è stato retratto all’interno del JEM Airlock dove rimarrà fino a domani mattina. Domani MTT verrà rimosso dalla Slide Table.

 

27 aprile

Japanese Experiment Module (JEM) Airlock (JEMAL) Materials ISS Experiment – Flight Facility (MISSE-FF) Operations
L’equipaggio ha esteso la JEMAL Slide Table all’interno del JEM per rimuovere il MISSE Transfer Tray (MTT) e la JEM ORU Transfer Interface (JOTI).

Space Technology and Advanced Research Systems (STaARS)
L’equipaggio ha rimosso stamattina la struttura sperimentale STaARS-1 per predisporla al ritorno a Terra a bordo del cargo Dragon della missione SpaceX-14. Lo STAARS-1 è stato utilizzato a supporto delle indagini biotecnologiche per caratterizzare gli effetti della microgravità sui sistemi viventi, ponendo particolare attenzione allo studio delle alterazioni della fisiologia cellulare.

Space Headaches
Due membri dell’equipaggio della Soyuz 53S hanno compilato un nuovo questionario settimanale dell’esperimento Space Headaches dell’European Space Agency (ESA). La compilazione dei questionari è quotidiana nel corso della prima settimana di permanenza sulla ISS, mentre diventa settimanale nei periodi successivi. Gli obiettivi di questo studio sono rivolti a valutare la prevalenza e le caratteristiche della cefalea registrata dai membri dell’equipaggio nel corso di una missione spaziale.

Node 3 (N3) External Wireless Communication (EWC) Systems Installation
L’equipaggio ha installato all’interno del Node 3 tutto quanto necessario per interfacciare le antenne EWC installate durante l’US EVA 49. Una volta installato, il BelAir Wireless Access Point (WAP), ed il relativo cablaggio, consentirà il trasferimento dati dal Joint Station Local Area Network (LAN) (JSL) ai payload esterni. Il primo payload che utilizzerà il nuovo collegamento sarà ECOSTRESS che giungerà sulla ISS a bordo del cargo Dragon della missione SpaceX-15.

Dragon Cargo Operations
L’equipaggio ha proseguito l’attività di carico merci in vista del ritorno a Terra di Dragon. Oggi l’equipaggio ha completato il quarto Dragon Cargo Message in meno di 1 ora. Il quinto Dragon Cargo Message, che include le istruzioni per l’imballaggio del Dragon Center Stack, verrà caricato nel fine settimana. Il ritorno della missione SpaceX-14 è attualmente programmato per il 2 maggio alle ore 09:32 CDT.

Node 3 (N3) Mass Constituent Analyzer (MCA) Troubleshooting
La reinstallazione dell’ORU 08 originale (S/N F0001), eseguita giovedì scorso, non ha risolto il problema dei dati divergenti dell’N3 MCA. L’analisi dei dati continua ad indicare nell’ORU 02 la probabile causa delle letture anomale. Oggi, l’equipaggio ha rimosso sia l’ORU 02 che l’ORU 08 per inviarli a Terra per essere ricondizionati. L’ORU 08 (S/N F0002) è attualmente in fase di reinstallazione nell’N3 MCA. Il rack verrà lasciato aperto per agevolare l’installazione del prossimo ORU 02 che giungerà sulla ISS a bordo del cargo della missione SpaceX-15.

Space Station Remote Manipulator System (SSRMS) operations
Durante la notte, i Robotics Ground Controller parcheggeranno il Robot Micro Conical Tool (RMCT) ed il Tool Holder Assembly (THA) utilizzati nel gestire le operazioni robotiche relative all’attivazione del Materials International Space Station Experiment (MISSE). Le operazioni di questa sera si concluderanno con l’aggancio di Dragon, in vista del rilascio attualmente previsto per mercoledì 2 maggio.

 

30 aprile

Japanese Small Satellite Orbital Deployer 8 (J-SSOD#8)
Oggi l’equipaggio ha esteso la Slide Table all’interno del Japanese Experiment Module (JEM) per installare il Multipurpose Experiment Platform (MPEP) su cui sono stati posizionati due deployer J-SSOD #8. I J-SSOD sono deployer utilizzati per rilasciare piccoli satelliti.

Multi-Use Variable-G Platform (MVP)
L’equipaggio ha fissato i moduli Drosophila. Sono stati prelevati campioni solidi e liquidi che, dopo il fissaggio, sono stati posti per la conservazione all’interno di un Minus Eighty Degree Celsius Laboratory Freezer for ISS (MELFI). MVP viene utilizzato per condurre ricerche su un’ampia varietà di tipologie di campioni, come ad esempio i moscerini della frutta, piante, pesci, cellule, cristalli proteici e molte altre. Include 2 distributori interni che simultaneamente possono produrre fino a 2 g di gravità artificiale. Ogni distributore ospita 6 moduli in cui è possibile inserire un esperimento che rimarrà isolato da tutti gli altri. È possibile l’acquisizione di fotografie e video, inclusa la microscopia. La piattaforma MVP consente il controllo dei valori di temperatura ed umidità e monitora e registra i livelli di ossigeno e di anidride carbonica.

Center for the Advancement of Science in Space (CASIS) Protein Crystal Growth (PCG)-9
L’equipaggio ha prelevato da un MELFI i sacchetti dei campioni contenenti solfato di rame per controllare lo stato della crescita dei cristalli, ormai presenti e formati in ogni sacchetto. L’equipaggio ha estratto del liquido dalle otto buste di campionamento, ha fotografato i sacchetti prima e dopo il prelievo di liquidi ed infine ha riposto nuovamente i sacchetti dei campioni in un MELFI. L’indagine denominata Wisconsin Crystal Growing Contest-Wisconsin Space Crystal Mission (CASIS PCG 9) offre a studenti ricercatori l’opportunità di studiare la crescita di cristalli in microgravità. I cristalli coltivati ​​in microgravità sono più grandi e di più alta qualità rispetto agli stessi prodotti a Terra. Gli studenti delle scuole medie e superiori competono tra loro per far crescere il più puro cristallo terrestre, come giudicato dagli esperti nel campo della cristallografia. Gli studenti che presenteranno i cristalli con il minor numero di imperfezioni avranno l’opportunità di far volare i loro esperimenti sulla Stazione Spaziale Internazionale.

Divert Unwanted Space Trash (DUST)
L’equipaggio ha prelevato campioni e scattato diverse fotografie di alcune prese d’aria dell’US LAb e dei Node 1, 2 e 3. I campioni raccolti sono stati stivati a freddo, mentre le foto sono state inviate a Terra per le analisi. L’indagine DUST raccoglie e analizza il particolato che, trasportato dall’aria, si deposita all’interno della ISS. Gli aspetti unici dell’atmosfera della ISS, caratterizzata dall’assenza della gravità e dal mancato approvvigionamento di aria fresca, influenzano le dimensioni, la quantità ed i componenti del particolato aerodisperso, che a sua volta influisce sulla qualità dell’aria a bordo della Stazione Spaziale Internazionale. I dati raccolti forniranno le informazioni necessarie per la progettazione dei rilevatori di particelle per i futuri veicoli spaziali.

Human Research Facility (HRF)-2
L’equipaggio ha installato nel rack HRF-2 un cassetto contenente la nuova centrifuga HRF. I rack HRF supportano la ricerca scientifica nella valutare i cambiamenti fisiologici, comportamentali e chimici subiti dal corpo umano nel corso di un volo spaziale. Gli esperimenti che utilizzano le funzionalità fornite dai rack produrranno dati che aiuteranno gli scienziati a comprendere come il corpo umano si adatta al volo spaziale di lunga durata.

Dragon Cargo Transfer
L’equipaggio ha proseguito il trasferimento delle merci sul cargo Dragon. I campioni sono stati trasferiti dai Minus Eighty Laboratory Freezer for ISS (MELFI)-2 e MELFI-3 ai freezer Polar. Domani, l’equipaggio caricherà lo stack centrale dopodiché chiuderà il portello. Il distacco di Dragon dalla ISS è attualmente in programma per mercoledì 2 maggio. Le previsioni del tempo del sito di Prime Recovery non sono ancora indicative. Gli specialisti a Terra monitoreranno di continuo le condizioni meteorologiche per un eventuale posticipo del rientro al 5 maggio.

Node 3 (N3) Low Temperature Loop (LTL) Status
sabato, la pompa dell’N3 Low Temperature Loop (LTL) si è spenta all’improvviso ed inaspettatamente. Questa pompa era stata installata giovedì scorso in sostituzione di quella vecchia che aveva evidenziato prestazioni degradate. Il sistema ha attivato autonomamente il Moderate Temperature (MT), mantenendo inalterato il raffreddamento degli strumenti installati nel Node 3. Gli specialisti a Terra hanno esaminato i dati ma non sono stati in grado di identificare la causa dell’arresto; le prestazioni della pompa sembravano essere nominali fino allo spegnimento. La pompa N3 LTL è stata riavviata domenica mattina ed ha funzionato nominalmente in modalità Single LTL. Domani, N3 passerà alla modalità Dual Loop Mode per ripristinare la configurazione nominale prima della partenza del cargo Dragon della missione SpaceX-14.

Space Station Remote Manipulator System (SSRMS) Operations
sabato mattina, i Robotics Ground Controller hanno manovrato SSRMS e lo Special Purpose Dexterous Manipulator (SPDM) Arm2 per stivare il Robot Micro Conical Tool 2 (RMCT2) sull’SPDM Tool Holder Assembly 2 (THA2). Dopo aver eseguito la verifica dell’SPDM Backup Drive Unit (BDU), operazione richiesta ogni 180 giorni, hanno trasferito SSRMS sul Node2 PDGF per afferrare il Dragon Flight Releasable Grapple Fixture (FRGF). SSRMS è ora nella posizione prevista per effettuare il rilascio di Dragon, operazione pianificata per mercoledì 2 maggio.

Extravehicular Activity (EVA) Preparations
L’equipaggio ha avviato oggi il ciclo di rigenerazione del contenitore Metox, in vista dell’imminente attività extraveicolare denominata Pump Flow Control System (PFCS) Relocate, attualmente prevista per il 16 maggio. Poco dopo l’avvio del ciclo di rigenerazione, il Lab CDRA si è guastato interrompendo la rimozione della CO2. Le regole di volo non consentono la rigenerazione Metox se il Lab CDRA non è disponibile, per questo motivo la rigenerazione Metox è stata interrotta.

 

1 maggio

Dragon Preparation for Return
Condizioni meteorologiche avverse impediscono l’ammaraggio di Dragon previsto per domani, per questo motivo il ritorno del cargo è stato posticipato a sabato 5 maggio. Domani, l’equipaggio ritrasferirà sulla ISS le merci stivate a freddo che erano già state caricate sul cargo. Sulla base della nuova pianificazione, l’equipaggio riprenderà le attività di carico venerdì prossimo. Il rilascio di Dragon è ora in programma sabato alle ore 10:40 CDT.

Mouse Stress Defense
L’equipaggio ha rimosso le Mouse Habitat Cage Unit dalla Cell Biology Experiment Facility (CBEF) e trasferito i topi nelle Transportation Cage Unit in preparazione del ritorno a Terra a bordo del cargo Dragon della missione SpaceX-14. La microgravità innesca stress cellulari che provocano la riduzione della densità muscolare ed ossea. Per superare questi stress, una delle strategie promettenti è l’attivazione di Nrf2, un regolatore antiossidante. Mouse Stress Defense studia topi geneticamente modificati; alcuni con un valore ridotto di Nrf2 ed altri con un valore incrementato di Nrf2 per osservare come Nrf2 possa contribuire alla prevenzione efficace degli stress originati dal vivere in microgravità.

Total & Spectral solar Irradiance Sensor (TSIS)
Lo scorso 16 aprile, il payload TSIS aveva subito una breve interruzione dell’alimentazione elettrica (rete a 120 volt) dall’EXPRESS Logistics Carrier 3 (ELC-3). Ieri ed oggi l’equipaggio ha eseguito alcuni test sugli alimentatori e sugli interruttori di alimentazione delle reti elettriche a 28 V e 120 V, senza rilevare anomalie. Il TSIS è stato restituito alle operazioni nominali e non sono stati rilevati ulteriori problemi con l’alimentatore elettrica della rete a 120 V.

Extravehicular Activity (EVA) Preparations
L’equipaggio ha avviato oggi un ciclo di rigenerazione del contenitore Metox, in preparazione dell’imminente US EVA denominata Pump Flow Control System (PFCS) Relocate, attualmente in programma il 16 maggio. Il contenitore Metox, per rimuovere la CO2 generata durante le attività extraveicolari, utilizza un assorbente a base di ossido d’argento. Al termine di ogni EVA, il contenitore Metox viene riscaldato e rigenerato, rilasciando all’interno dell’abitacolo della ISS la CO2 raccolta. La CO2 rilasciata all’interno della ISS viene rimossa dal Carbon Dioxide Removal Assembly (CDRA). La rigenerazione Metox di ieri è stata interrotta dopo il blocco del Lab CDRA.

Advanced Resistance Exercise Device (ARED) Quarterly Maintenance
L’equipaggio ha eseguito oggi la manutenzione ordinaria di ARED. Sono stati ispezionati i cuscinetti di rotazione, verificata la completa mobilità del braccio principale e lubrificate le guide ed i rulli di isolamento e stabilizzazione (VIS).

Public Affairs Office (PAO) Event
Oggi, Feustel ha partecipato ad un evento live – Public Affairs Office (PAO) – in collegamento con varie scuole pubbliche di Laurel, nel Montana. Gli studenti che hanno partecipato all’evento fanno parte del programma HUNCH (High Schools United with NASA to Create Hardware). HUNCH mostra agli studenti delle scuole superiori i molti modi in cui possono mettere in mostra il loro talento lavorando per la NASA, al di là del ruolo di astronauta. Il programma offre agli studenti un’esperienza pratica con l’agenzia spaziale – la costruzione di parti progettate dalla NASA per l’uso da parte del personale dell’agenzia.

 

2 maggio

SpaceX (SpX)-14 Dragon Operations
Ieri SpaceX aveva previsto condizioni atmosferiche sfavorevoli sul sito di atterraggio, per questo motivo è stato deciso di posticipare l’atterraggio di Dragon al 5 maggio. Oggi l’equipaggio ha ritrasferito i payload e gli oggetti refrigerati sulla ISS. Sulla base della timeline aggiornata, l’equipaggio riprenderà le attività di carico e completerà la preparazione di Dragon venerdì prossimo. Il rilascio del cargo è previsto per sabato alle ore 08:24 CDT.

Advanced Colloids Experiment-Temperature-7 (ACE-T-7)
L’equipaggio ha rimosso il modulo ACE-T-9 dal Light Microscopy Module (LMM) per sostituirlo con il modulo ACE-T-7. L’esperimento ACE-T-7 prevede la progettazione e l’assemblaggio di complesse strutture tridimensionali da piccole particelle sospese all’interno di un fluido. Queste “strutture colloidali autoassemblate” sono vitali per la progettazione di materiali ottici avanzati e dispositivi attivi.

Veggie Passive Orbital Nutrient Delivery System (PONDS)
L’equipaggio ha sfoltito e fotografato le piante in crescita. Gli organismi crescono e si sviluppano in modo diverso nello spazio rispetto a quanto osservato a Terra. Le future missioni spaziali richiederanno un certo grado di autonomia nell’approvigionamento del cibo poiché verra chiesto all’equipaggio di coltivare il proprio cibo. Capire come le piante rispondono alla microgravità è un passo importante verso tale obiettivo. Veggie PONDS utilizza un sistema di somministrazione di nutrienti passivi di nuova concezione e l’impianto di crescita vegetale Veggie installato a bordo della ISS per coltivare lattuga e mizuna verdi che devono essere raccolti in orbita e consumati.

Lighting Effects
L’equipaggio ha annotato le letture dei misuratori di luce installati nell’airock e nel Japanese Experiment Module (JEM). L’esperimento Lighting Effects desidera quantificare e qualificare gli effetti dell’illuminazione sull’abitabilità dei veicoli spaziali. Tutte le fonti luminose della ISS verranno sostituite con un nuovo sistema progettato per migliorare la salute ed il benessere dell’equipaggio. L’indagine Lighting Effects studia l’impatto del cambiamento portato dalla sostituzione delle lampadine fluorescenti con luci led ad intensità luminosa e colore regolabili, per capire se le nuove luci potranno migliorare i ritmi circadiani dell’equipaggio. I risultati di questa indagine avranno importanti ricadute anche su tutte le persone a Terra che fanno uso di lampade ad incandescenza. Gli SSLA sono stati progettati per sostituire i General Luminaire Assemblies (GLA) per migliorare l’acuità visiva e per fornire una miglior soluzione per affrontare i disagi dovuti ai ritmi circadiani ed al ciclo del sonno dell’equipaggio. Per raggiungere questi obiettivi, gli SSLA sono stati progettati per funzionare in 3 modalità di spettro luminoso distinte. Le diverse modalità di funzionamento hanno a che fare con la gestione della porzione del blu fornita dalla luce delle lampade; la luce blu ha impatti sulla produzione di melatonina che a sua volta ha impatti sul sonno.

Extravehicular Activity (EVA) Preparations
L’equipaggio ha proseguito oggi i preparativi della prossima US EVA denominata Pump Flow Control System (PFCS) Relocate, attualmente in programma per il 16 maggio. Dopo aver atteso la conclusione del ciclo di rigenerazione del serbatoio Metox, l’equipaggio ha completato la On-Orbit Fit Verification (OFV), ossia l’adattamento delle EMU alla taglia degli astronauti che le dovranno indossare.

Environmental Health System (EHS) Microbial Air and Surface Sampling
L’equipaggio, utilizzando il Microbial Air Sampler (MAS) ed il Surface Sample Kit (SSK), ha raccolto tamponi da alcune superfici della ISS e prelevato campioni d’aria per l’analisi microbica. Questi campioni saranno incubati sulle piastre di Petri per fornire al personale medico un’indicazione della crescita microbica nell’aria e sulle superfici della ISS. L’EHS monitora l’atmosfera della ISS per osservare l’eventuale presenza di contaminanti gassosi, prodotti di combustione e propellenti, contaminanti microbici dei membri dell’equipaggio, oltre che fornire una indicazione sulla qualità dell’acqua, un’analisi dell’inquinamento acustico ed il monitoraggio dei livelli delle radiazioni.

Public Affairs Office (PAO) Event
Oggi l’equipaggio ha partecipato a due eventi live – Public Affairs Office (PAO). Tingle e Feustel hanno partecipato al primo evento, rispondendo alle domande degli studenti nel distretto scolastico di Champlain Valley a Hinesburg, nel Vermont. Kanai ha partecipato ad un evento in collegamento con Makuhari New City nella prefettura di Chiba, in Giappone.

 

3 maggio

Miniature Exercise Device (MED-2)
La sessione MED-2 odierna è stata rinviata per un problema di mancanza di tempo.

SpaceX-14 Cold Stowage
L’equipaggio ha applicato gli aggiornamenti al piano di stivaggio a freddo ricevuti oggi. Questi aggiornamenti consentiranno la corretta conservazione dei campioni di sangue stivati sul cargo Dragon durante il rientro a Terra.

Extravehicular Mobility Unit (EMU) Loop Scrub and Conductivity Test
Nell’ambito delle attività di preparazione necessarie a supportare l’imminente attività extraveicolare – US EVA Pump Flow Control System (PFCS) Relocate – in programma il 16 maggio, l’equipaggio ha eseguito la pulizia dei circuiti di raffreddamento delle EMU e prelevato alcuni campioni d’acqua per le analisi sulla conduttività elettrica. Durante le attività di manutenzione, l’equipaggio ha ascoltato uno strano rumore provenire dalla EMU 3006, mentre la telemetria della tuta non segnalava alcuna anomalia. L’equipaggio ha registrato il rumore ed inviato il file audio agli specialisti a Terra per le analisi.

External TV Camera Group (ETVCG) Assembly
Oggi l’equipaggio ha completato l’assemblaggio dell’ETVCG che verrà utilizzata nel corso della prossima US EVA del 16 maggio. Questa External TV Camera Group (ETVCG) è stata costruita usando il Light Assembly che è stato recentemente riparato dall’equipaggio della ISS. Nonostante i numerosi tentativi, l’equipaggio non è stato in grado di confermare il pieno innesto del meccanismo di blocco che consente il corretto bloccaggio della’External High Definition Camera (EHDC) sulla Color TV Camera (CTVC). Il team di ingegneri sta esaminando le foto ed i dati raccolti per determinare se sia necessario un intervento correttivo che preceda l’attività extraveicolare.

Zero-Gravity Stowage Rack (ZSR) Photography
In preparazione dell’installazione del Life Sciences Glovebox (LSG) in arrivo su HTV-7, l’equipaggio ha scattato alcune foto del rack ZSR, delle strutture circostanti e della posizione JPM1F5. Gli specialisti a Terra analizzeranno queste foto per verificare che gli ingombri in orbita corrispondano a quelli dei modelli ingegneristici a Terra. Il processo consiste nella sovrapposizione di fotografie di un oggetto per poi convertirle in modelli digitali 2D o 3D. Se nella foto vengono inclusi soggetti di dimensioni note, i modelli 3D possono essere generati rispettando la scala dimensionale desiderata. I risultati di questo lavoro influenzeranno direttamente la verifica e lo sviluppo della strumentazione necessaria per installare LSG entro la fine dell’anno.

 

4 maggio

SpaceX (SpX)-14 Dragon Departure Preparation
Questa mattina, l’equipaggio ha concluso la preparazione delle Double Coldbag necessarie per la conservazione delle merci che, caricate sul cargo Dragon, devono essere conservate a temperatura controllata fino al ritorno a Terra. L’equipaggio ha anche trasferito il resto del carico nella posizione Dragon F4 prima di installare il Dragon Center Stack. Conclusa la fase di caricamento, l’equipaggio ha rimosso tutti i collegamenti ed ha chiuso il portello del velivolo, prima della depressurizzazione del vestibolo Nadir del Node 2 (N2). Successivamente i Robotics Ground Controller hanno utilizzato lo Space Station Remote Manipulator System (SSRMS) per afferrare e guidare Dragon nella posizione di parcheggio, dove rimarrà per tutta la notte, in attesa del rilascio che avverrà domani alle ore 08:24 CDT. L’ammaraggio nell’oceano Pacifico è previsto per domani pomeriggio alle ore 14:02 CDT.

Probiotics
Oggi un membro dell’equipaggio ha raccolto campioni di saliva, successivamente stivati per la conservazione all’interno di un MELFI, ed ha compilato un questionario. In microgravità alcune specie di batteri nocivi, come ad esempio la salmonella, diventano più forti e più virulenti, mentre nello stesso tempo il sistema immunitario umano si indebolisce, incrementando i rischi per la salute. L’obiettivo dell’indagine Probiotics è studiare l’impatto del consumo continuo di probiotici sulla funzione immunitaria ed il microbiota intestinale degli astronauti in microgravità. Questa indagine studia gli effetti dei batteri benefici (probiotici) per migliorare il microbiota intestinale e la funzione immunitaria dei membri dell’equipaggio impegnati in missioni spaziali di lunga durata.

Space Headaches
Due membri dell’equipaggio della Soyuz 53S hanno compilato un nuovo questionario settimanale dell’esperimento Space Headaches dell’European Space Agency (ESA). La compilazione dei questionari è quotidiana nel corso della prima settimana di permanenza sulla ISS, mentre diventa settimanale nei periodi successivi. Gli obiettivi di questo studio sono rivolti a valutare la prevalenza e le caratteristiche della cefalea registrata dai membri dell’equipaggio nel corso di una missione spaziale.

Mobile Servicing System (MSS) Operations
Ieri i Robotics Ground Controller hanno attivato MSS ed hanno manovrato lo Special Purpose Dexterous Manipulator (SPDM) Body Roll Joint (BRJ) and Arm1 per verificare la funzionalità dell’SPDM Arm1 Wrist e dell’Elbow and Shoulder Joints Direct Drive.

Fonte: NASA

Segui la discussione su ForumAstronautico.it

https://www.forumastronautico.it/index.php?topic=28060.0

Marco Carrara

Da sempre appassionato di spazio, da piccolo sognavo ad occhi aperti guardando alla televisione le gesta degli astronauti impegnati nelle missioni Apollo, crescendo mi sono dovuto accontentare di una più normale professione come sistemista informatico in una banca radicata nel nord Italia. Scrivo su AstronautiNews dal 2010; è il mio modo per continuare a coltivare la mia passione per lo spazio.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.