Svelato il logo della missione Futura di Samantha Cristoforetti

Presentazione del logo della missione Futura di Samantha Cristoforetti. Roma, 22 gennaio 2014. Fonte: ASI
Presentazione del logo della missione Futura di Samantha Cristoforetti. Roma, 22 gennaio 2014. Fonte: ASI

È stato presentato il 22 gennaio a Roma a Palazzo Chigi il logo ufficiale di Futura, la prima missione dell’astronauta italiana Samantha Cristoforetti il cui lancio è previsto per la fine del 2014. All’evento, in cui è stata illustrata la missione, hanno preso parte il viceministro del Lavoro e delle Politiche Sociali, Maria Cecilia Guerra, il presidente dell’ASI, Enrico Saggese, e il Capo di Stato Maggiore dell’Aeronautica, il Gen. Pasquale Preziosa.

Il logo della missione Futura di Samantha Cristoforetti. Fonte: ESA

Il logo della missione Futura. Fonte: ESA

Ideato da Valerio Papeti, il logo è il vincitore del concorso aperto al pubblico organizzato dall’Agenzia Spaziale Italiana, l’Agenzia Spaziale Europea e l’Aeronautica Militare Italiana per scegliere l’emblema. Il concorso era stato annunciato a dicembre del 2013 in occasione della presentazione del nome Futura, anche in quel caso scelto coinvolgendo il pubblico attraverso una competizione creativa.

Il logo è di forma circolare e rappresenta un’alba orbitale vista dal lato notturno della Terra, su cui è visibile l’Europa con l’Italia. Oltre il bordo terrestre appare il Sole che sorge, sopra il quale si trova il nome Futura. La Stazione Spaziale Internazionale, sullo sfondo del cielo stellato, è raggiunta da un arco di orbita proveniente dall’emisfero notturno. Sulla parte della circonferenza esterna del logo adiacente al globo sono disposti i colori della bandiera italiana.

L’arco di orbita simboleggia il legame fra il nostro pianeta e l’avamposto orbitale. L’elemento dell’alba spaziale, che Papeti descrive come l’immagine più bella dello spazio che abbia visto, simboleggia il futuro delle nuove scoperte e i nuovi orizzonti per l’Italia e il genere umano. Il tricolore rappresenta il coinvolgimento del nostro paese.

Presentazione del logo della missione Futura di Samantha Cristoforetti. Roma, 22 gennaio 2014. Fonte: ASI

La cerimonia di presentazione del logo di Futura. Fonte: ASI

Valerio Papeti, 31 anni, vive a Torino dove ha frequentato l’Accademia Albertina di Belle Arti. Si interessa di astronomia, scienza e arte. La sua proposta è stata selezionata fra le molte inviate al concorso. Papeti vince un viaggio per incontrare l’astronauta nel corso del suo addestramento.

Il lancio della navicella Soyuz TMA-15M, che porterà Samantha Cristoforetti nello spazio per la missione Futura, è attualmente previsto per la fine di novembre del 2014. Insieme con lei saranno a bordo della Soyuz il cosmonauta Anton Shkaplerov, il comandante, e l’astronauta della NASA Terry Virts. Trascorreranno circa sei mesi sulla ISS per una missione di lunga durata nell’ambito della Expedition 42/43. Samantha sta raccontando la preparazione a questa esperienza nel suo diario di addestramento.

Presentazione del logo della missione Futura di Samantha Cristoforetti. Roma, 22 gennaio 2014. Fonte: ASI

Samantha Cristoforetti risponde alle domande dei giornalisti. Fonte: ASI

Samantha Cristoforetti, 36 anni, è un ufficiale pilota dell’Aeronautica Militare. Nel 2009 è stata selezionata in un gruppo di sei nuovi astronauti dell’ESA comprendente anche l’italiano Luca Parmitano, che ha già compiuto la sua prima missione Volare nel 2013, il tedesco Alexander Gerst, il danese Andreas Mogensen, l’inglese Timothy Peake e il francese Thomas Pesquet. Sarà la prima italiana a volare nello spazio.

Ecco il video della conferenza stampa di presentazione di Futura e del logo:

Paolo Amoroso

Si occupa di divulgazione e didattica dell'astronomia e dello spazio. Attualmente collabora con il Planetario di Milano e fino al 2012 ha lavorato per il Museo Astronomico di Brera. Si interessa di astronomia, astronautica ed esplorazione dello spazio, scienza, Google, editoria digitale e tecnologie informatiche. È nel Direttivo dell'Associazione Italiana per l'Astronautica e lo Spazio (ISAA), per la quale svolge diverse attività fra cui la co-conduzione del podcast AstronautiCAST.