Prevista per il 2015 una riconfigurazione dei moduli della ISS

Possible future ISS configuration

E’ previsto per il 2015 un doppio spostamento di alcuni moduli della ISS per venire in contro alle rinnovate esigenze della Stazione, dettate dalla piena operatività della stessa e dei futuri veicoli che ad essa arriveranno.
Il primo modulo che verrà riposizionato sarà il PMA-3 che nel Maggio 2015 passerà dall’attuale posizione, ovvero il boccaporto sinistro di Tranquility (Node 3), a quello superiore di Harmony (Node 2).
Successivamente, nel Luglio dello stesso anno, il PMM Leonardo (il modulo MPLM di fabbricazione Italiana modificato per la permanenza sulla ISS) passerà dal boccaporto inferiore di Unity (Node 1) a quello anteriore di Tranquility.
Entrambi gli spostamenti avverranno grazie al braccio robotico canadese SSRMS, comandato dagli astronauti e dal personale di terra.

Il problema principale con l’attuale configurazione della ISS è la disponibilità di una sola porta di attracco per i veicoli ospiti, ovvero il PMA-2, il quale in futuro riceverà l’adattatore per il nuovo sistema di aggancio.
Lo spostamento del PMM non è comunque un’operazione semplice in quanto i cablaggi esterni da riposizionare sono un buon numero e questo richiederà diverse passeggiate spaziali prima e dopo l’operazione.
Al termine di questa riconfigurazione saranno disponibili due portelli per i futuri veicoli con equipaggio, superiore e anteriore di Harmony con i due PMA installati insieme agli adattatori.
Sarebbero poi disponibili altre due portelli per i veicoli di rifornimento cargo, quello superiore di Tranquility oppure quello inferiore di Unity, a seconda della futura posizione di Cupola, e quello inferiore di Harmony.
Nell’immagine dell’articolo è possibile vedere la futura configurazione come attualmente programmato.

Segui la discussione su ForumAstronautico.it

http://www.forumastronautico.it/index.php?topic=19811

Alberto Zampieron

Appassionato di spazio da sempre e laureato in ingegneria aerospaziale al Politecnico di Torino, è stato socio fondatore di ISAA. Collabora con Astronautinews sin dalla fondazione e attualmente coordina le attività fra gli articolisti.