IXV: iniziano i test in volo

IXV_integration_large

Il CIRA, Centro Italiano Ricerche Aerospaziali, ha annunciato che a breve verranno iniziati i test preliminari del prototipo in scala reale del velivolo sperimentale di rientro IXV (Intermediate eXperimental Vehicle).

Questi test, che verranno eseguiti presso il Centro dell’Aviazione Leggera dell’Esercito (AVES) di Viterbo, sono finalizzati alla conferma delle analisi di stabilità del carico in fase di volo “captive” ad alla qualifica del sistema di sgancio. Il veicolo sarà in seguito trasferito al Poligono Interforze di Salto di Quirra, in Sardegna, per i test finali attualmente programmati per la seconda metà di giugno.

Il progetto IXV, finanziato dall’Agenzia Spaziale Europea, mira al consolidamento ed allo sviluppo di tecnologie abilitanti al rientro dall’atmosfera di veicoli spaziali di futura generazione, focalizzando temi quali la progettazione aerodinamica, lo sviluppo di materiali e strutture resistenti alle alte temperature e sistemi di guida, navigazione e controllo.

Thales Alenia Space Italia è l’azienda responsabile dello sviluppo; CIRA partecipa a tre fondamentali linee di attività: test di qualifica dei sottosistemi di discesa e di recupero, test di qualifica dei sistemi di protezione termica ed assistenza tecnica ad ASI ed ESA per le attività industriali.

I drop-test vedranno l’utilizzo di un elicottero modello CH 47, elicottero birotore identificato dalla sigla ETM1 che ha appena festeggiato il 40° anno dall’entrata in servizio, mentre la fase finale vedrà il lancio in orbita di IXV tramite un razzo Vega che, partendo dallo spazioporto di Kourou, piazzerà il velivolo ad una altitudine di circa 450 km dalla quale inizierà la fase di rientro verso Terra ammarando nel Pacifico.

Fonte : CIRA

IXV

Copyright immagine: CIRA

Segui la discussione su ForumAstronautico.it

http://www.forumastronautico.it/index.php?topic=19595

Marco Carrara

Da sempre appassionato di spazio, da piccolo sognavo ad occhi aperti guardando alla televisione le gesta degli astronauti impegnati nelle missioni Apollo, crescendo mi sono dovuto accontentare di una più normale professione come sistemista informatico in una banca radicata nel nord Italia. Scrivo su AstronautiNews dal 2010; è il mio modo per continuare a coltivare la mia passione per lo spazio.