Ratificato dal Kazakhstan l’accordo di affitto del cosmodromo di Baikonur

Il logo di AstronautiNEWS. credit: Riccardo Rossi/ISAA
Il logo di AstronautiNEWS. credit: Riccardo Rossi/ISAA

Il Senato kazako, lo scorso Venerdì, ha ratificato un accordo risalente al 2004 per l’estensione dell’utilizzo da parte della Russia del centro spaziale di Baikonur in Kazakhstan, secondo quanto riferito da un corrispondente della RIA Novosti.

L’accordo che venne siglato ad Astana il 9 Gennaio 2004 estende l’utilizzo delle strutture del centro spaziale da parte della Russia fino al 2050, mentre la ratifica ha succeduto le minacce russe di sospendere gli altri progetti spaziali con il Kazakhstan, secondo quanto dichiarato dall’ex cosmonauta Talgat Musabayev, capo dell’agenzia spaziale Kazaka, Kazkosmos, all’apertura della sessione senatoriale.

Il cosmodromo di Baikonur venne costruito in Kazakhstan negli anni ’50 dello scorso secolo, ed è il principale sito di lancio della corrente generazione di lanciatori russi. Nel 1994 la Russia ha stipulato un contratto di affitto per il sito a seguito del collasso dell’Unione Sovietica per una somma annuale di 115 milioni di Dollari. In aggiunta, la Russia versa 50 milioni di Dollari all’anno per la manutenzione delle strutture del centro spaziale.

Musabayev ha dichiarato che la ratifica dell’accordo assicurerà il successo dell’implementazione dei programmi spaziali a lungo termine presso il centro di Baikonur, inclusi i lanci dei veicoli russi verso l’International Space Station.

Baikonur è dotato di 15 pads di lancio per veicoli manned ed unmanned, e supporta o ha supportato la gestione ed il lancio dei vettori Soyuz, Proton, Tsyklon, Dnepr, Zenit e Buran.

La Russia ed il Kazakhstan stanno lavorando per la costruzione un nuovo sito di lancio sempre a Baikonur, denominato Baiterek, per il lancio dei vettori Angara che saranno in grado di portare in LEO fino a 26 tonnellate di payload. A tale scopo le due nazioni, relativamente ad un accordo firmato nel 2004, hanno stanziato ciascuna una somma pari a 223 milioni di Dollari.

Fonte: RIA Novosti

Nell’immagine, (C) di S.P. Korolev RSC Energia, il decollo della Soyuz TMA-18 dello scorso 2 Aprile, dal cosmodromo di Baikonur.

Luca Frigerio

Impiegato nel campo delle materie plastiche e da sempre appassionato di spazio. E' iscritto a forumastronautico.it dal Novembre 2005 e da diversi anni sfoga parte della sua passione scrivendo per astronautinews.it. E' consigliere dell'Associazione Italiana per l'Astronautica e lo Spazio (ISAA)