Prima approvazione eccezione trattato INKSNA, voli Soyuz fino al 2016

Il logo di AstronautiNEWS. credit: Riccardo Rossi/ISAA
Il logo di AstronautiNEWS. credit: Riccardo Rossi/ISAA

Ieri è stata estesa dalla US House la deroga al trattato di non proliferazione INKSNA (Iran, North Korea, and Syria Nonproliferation Act) che permetterà alla NASA l'acquisto di capsule anche dopo il 2011.
La prassi ora prevede che l'emendamento debba passare per il Senato dove si prevede battaglia dura da parte dello schieramento "pro-shuttle" capitanato da Dave Weldon. C'è tempo due settimane per far passare definitivamente la deroga.
Per ora Griffin ha espresso la sua soddisfazione in attesa dell'ultimo ostacolo.
La decisione dovrebbe quindi sbloccare l'empasse che si era creata negli ultimi mesi e che aveva portato alla forte preoccupazione di non riuscire ad utilizzare la ISS dal 2012 da parte americana.
Insieme all'autorizzazione crolla probabilmente in maniera definitiva l'ipotesi, valutata in questi mesi e non esente da problemi, di poter utilizzare la navetta americano oltre il limite previsto del settembre 2010.
L'estensione sarà portata dal 1 gennaio 2012 al 1 Luglio 2016 con il voto alla Commissione Scienza e Tecnologia della US House che è stato di 370 voti a favore e 58 contrari.

Alberto Zampieron

Appassionato di spazio da sempre e laureato in ingegneria aerospaziale al Politecnico di Torino, è stato socio fondatore di ISAA. Collabora con Astronautinews sin dalla fondazione e attualmente coordina le attività fra gli articolisti.